Skip to content

Brucia

25/11/2011
by

il  culo, eh, sig. Cazzone? Però stavolta saremo pietosi con Lei, e ci limiteremo a commentare questa Sua uscita:

“…come il suo collega filosofo aveva l’abitudine di citare Omero e Pindaro a memoria, e per questo gli capitava di sbagliare, così noi, sia pure un po’ (ma solo un po’) più modestamente, citiamo senza googlare”:

Ci mancherebbe, sig. Cazzone: finché si tratta di fare sarcasmo usando ad minchiam  la latinità, ci può stare;  il piccolissimo problema è che Lei insegna non matematica o lingua inglese, ma greco e latino al Liceo Classico.

Annunci
6 commenti leave one →
  1. 25/11/2011 10:30 pm

    Forma mentis del perfetto ipocrita: intransigente con i nemici, indulgente con se stesso.

  2. 25/11/2011 11:04 pm

    Il sig. Cazzone depone la sua pietra tombale:

    “Tenga anche conto del fatto che noi, sig. Train, scriviamo sempre direttamente nell’aere ignorando il sig. Word”:

    Sig. Cazzone, non dica cazzate, anche se – come lo scorpione nel celebre apologo – ciò fa parte della Sua natura: Lei sa benissimo che su WordPress c’è la possibilità di controllare con tutta calma ciò che si è scritto, scegliendo la modalità “Privato” prima di rendere pubblico un post; e poi con tutto comodo, appunto, pubblicare. Word con tutto ciò non c’entra una mentula.

  3. 25/11/2011 11:08 pm

    …Dimenticavo, sig. Cazzone, lo dico per Lei: visti i risultati, forse è meglio che lasci perdere la modestia nel citare a memoria, e che la usi invece per controllare i testi latini prima di citarli.

  4. 26/11/2011 7:40 am

    Con quest’ultimo commento, il nostro “amico” ha dimostrato per l’ennesima volta che quello che scrissi a suo tempo su https://topgonzochainsawmassacre.wordpress.com/2011/11/23/eccovi-una-nuova-rubrica/
    è vero. Il personaggio è sciatto, superficiale, approssimativo; eppure si arroga il diritto, insieme ai suoi compari di merende, di dare patenti a destra e a manca. Si scopre poi, che questi personaggi non sono credibili, anche loro scrivono castronerie (memorabile quella della transalpina Merkel o di aver scambiato un film di Ken Russell con quello di Sergio Leone), per non parlare dell’assoluta sciatteria nel citare i passi latini e greci, nonché i gravi errori di declinazione, inspiegabili per uno “specialista” che ha affermato più volte di essere preparatissimo. Cosa fa costui dopo essere stato beccato con le mani nella marmellata, invece di ammettere umilmente di avere sbagliato? Continua, come se nulla fosse, a comportarsi da arrogante, dimostrando ancora una volta di essere incapace di imparare dai propri errori, preferendo di gran lunga difendere una posizione insostenibile come quella della citazione superficiale a memoria che lo condanna al pubblico ludibrio. Evidentemente, costui non si rende conto del ridicolo quando afferma simile castronerie, perché, se la memoria lo tradisce come spesso gli accade, vuol dire che è da rottamare.

  5. 26/11/2011 10:59 am

    Nel suo blog ho rivolto ad arci la sollecitazione: “aequo animo pati tibi decet”. Subito dopo averla postata, la frase mi è subito suonata stonata: non ricordavo che decet regge l’accusativo (e che quindi avrei dovuto scrivere: “aequo animo pati te decet”). Bè, poca roba in fondo, considerato che dal liceo manco da 37 anni e che non sono certo un latinista.
    Riporto l’episodio, però, per annotare che poco dopo è passato di là nientemeno che Fra Cazzone da Genova, la pretesa autorità greco-latinista universale assoluta (trànghete!), il quale tuttavia non ha trovato di che battere ciglio. In realtà la cosa testimonia molto significativamente del livello cazzonico delle sua preparazione. Sì, anche perché lui venderebbe la sorella ai predoni saraceni, pur di non perdere un’occasione di provocarmi e – a suo penoso modo, ovviamente – di farmi pelo e contropelo. Infatti soffre atroci pene intime da quando ho praticamente smesso di cacarmi lui e i suoi deliri scassa-coglioni.

  6. 26/11/2011 11:21 am

    Grazie di cuore per averci fatto ridere una volta di più, caro Top: restate sintonizzati, tu e Jazz, tra poco un nuovo post sull’argomento…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: