Skip to content

Buon Ano Nuovo, topgonzi

31/12/2011
by
Annunci
10 commenti leave one →
  1. jazztrain1 permalink
    31/12/2011 11:16 pm

    Mi associo all’augurio….

  2. Thorgen permalink*
    31/12/2011 11:26 pm

    Dopo un 2011 di ragadi purulente dovranno rifarselo nuovo.

  3. Thorgen permalink*
    01/01/2012 5:45 pm

    Tantissimi auguri al sig.erasmo perché in questo anno bisesto (366 dì, sig.erasmo) possa evitare la s. (abbreviativo di una parola che finisce in figa: quest’ultima invece le è negata per natura, sig. erasmo).

    • 01/01/2012 5:55 pm

      Io infatti i preservativi li tengo ma per infilarmici dentro, perché non mi incriminino per epidemia colposa.

  4. Thorgen permalink*
    01/01/2012 5:57 pm

    Ecco, bravo: si sa che certe specie di invertebrati sono vettori di terribili batteri.

  5. sig. Myollnir permalink
    01/01/2012 5:59 pm

    Off topgonzo.
    Appena sentito l’inizio del Concerto di Vienna. Mi sono inserito a cazzo dentro Strauss. Così, tanto per mettere in chiaro come vanno le cose anche nel 2012…Buon anno a tutti. Ehi.

  6. Thorgen permalink*
    01/01/2012 8:41 pm

    “red. cac.

    1 gennaio 2012 at 20:30

    Sì, sono 1440 minuti in più.” :

    Cerchi di passarli ristudiando bene gli scrittori latini.

  7. jazztrain1 permalink
    01/01/2012 8:51 pm

    Uno dei tanti commenti farneticanti del nostro red. caz.: “Un tempo il concerto di Vienna lo sentivi in diretta dalle 11.45. Ancora oggi è trasmesso in diretta in 70 paesi. Da qualche anno la RAI lo trasmette in differita. Bravi, era ora, e poi la marcia di Radetzky non evoca forse il cupo giorno di Custoza? E non è da quel dì che l’aquila d’Austria le penne ha perdute? Brava RAI, differita, differita! Un altr’anno lo aboliamo. E poi, in fondo, Vienna non è in Germania.”

    • jazztrain1 permalink
      02/01/2012 7:30 am

      E il suo compare di merende che sarebbe un grande esperto di lirica e sinfonica, cosa scrive del concerto di Capodanno 2012?
      Un inutile articolo apparso nel suo deserto blog nel quale scrive che non ci sono più gli interpreti di una volta e che una volta c’erano grandi direttori d’orchestra, grandi cantanti e bla, bla, bla. Poi si lamenta se considero il suo blog una insipida minestra riscaldata.

      Solite note sui concerti di Capodanno

      Nel giorno di Capodanno, la Rai ha distribuito musica. Ha cominciato Rai5 con lo storico Pipistrello di Carlos Kleiber, ripreso dal vivo nel 1988 all’Opera di Stato della Baviera. Sebbene inferiore all’inarrivabile registrazione discografica del 1975 (una delle migliori incisioni di tutti i tempi) si tratta di roba che non tornerà più.

      Per marcare bene lo stacco fra il passato e il presente, subito dopo Rai1 ci ha rifilato il solito concerto di Capodanno dalla Fenice. Per fortuna, quest’anno non c’erano esposizioni di tessuti sindacali fra gli orchestrali. Rimane, musicalmente, quella che in inglese si chiama shabbiness. Faceva eccezione il bravo basso Alex Esposito, capitato lì chissà come.

      Il concerto da Vienna era relegato nel tardo pomeriggio su Rai5. Mariss Jansons, molto festeggiato dal pubblico della Goldenen Saal, ha agito con gradevole fluidità. Purtroppo, l’inserimento nel programma della Polka dal pipistrello, quando aleggiava ancora nell’orecchio quella di Kleiber, ha dato la cifra della decadenza.

  8. Thorgen permalink*
    02/01/2012 5:28 pm

    Abbi pietà Jazz! I post del reggipalle sono esiziali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: