Skip to content

Torna a scuola, cac.chie!

14/05/2012
by
  
14 maggio 2012 a 3:28 PM

E fin qui tutto bene (infatti: subito dopo comincia inizia la rovinosa caduta del sig. cac. dai dirupi della sintassi italiana, N.d.R.).  Spiace però che abbia “fatto un salto nella (nostra) fogna” nella ahimè non vana speranza di trovarci “tutti, immancabilmente tutti, incredibilmente tutti” ci siamo sentiti tirati in ballo dal suo “Poveri sciocchi”.

Annunci
4 commenti leave one →
  1. jazztrain1 permalink
    15/05/2012 7:59 pm

    😀 😀 😀

  2. Più volte è stato detto per il loro bene che permalink
    16/05/2012 4:58 am

    certi compagni di avventure sono impresentabili. Sembra che comincino a poco a poco a prenderne lentamente le distanze, come è avvenuto in questo caso. Si spera che non rimanga un caso isolato.

    Myollnir
    15 maggio 2012 at 22:20

    Il Mascellone… siete cattivi! [persino un bambino capirebbe che costui è un nostalgico del tempo che fu]

    Erasmo
    16 maggio 2012 at 00:05

    Le analogie con la battaglia per Quota 90 ci sono.

    [risposta deboluccia e un po’ formale; ma è già qualcosa, non si può certo pretendere dal signor Erasmo una posizione netta]

  3. 18/05/2012 9:46 pm

    blogdibarbara

    18 maggio 2012 at 00:47

    …è la crisi che causa lo spread o è lo spread che causa la crisi? Io credevo la prima ma a quanto leggo sembrerebbe che no.“:

    La vecchia acida dopo aver fatto le pulci ad uno scritto altrui. Ridicola.

  4. La nave fascio leghista è definitivamente affondata, permalink
    19/05/2012 4:23 am

    e il sig. Erasmo, dopo aver sfacciatamente sostenuto per anni il centro destra berlusconiano e le sue politiche antisociali e guerrafondaie, come S. Paolo sulla via di Damasco, si converte all’emergente fenomeno del grillismo anti TAV, anti nuclearista, filoecologista, solo per rifarsi una verginità politica. In questo modo ha dimostrato ancora una volta di possedere notevole fiuto nel capire al momento opportuno chi sarà il prossimo politico a dominare il panorama politico nazionale, visto che la stella berlusconiana è ormai ignominiosamente tramontata.
    In fondo il sig. Erasmo è il classico italiano medio che tenta di salire sul carro del vincitore pur di dire pubblicamente che aveva visto giusto, che aveva ragione e che gli altri sono fessi e non furbi come lui. Interessanti queste sue, si fa per dire riflessioni, nelle quale il sig. Erasmo interpreta la politica come se fosse un avvenimento sportivo (una partita di calcio, per la precisione, l’unico sport che ama veramente).

    1) Chi desiderate che vinca a Parma? Un grillino abbelinato oppure il grigio rappresentante di un partito?
    Mi spiace di esprimere un’opinione che potrebbe coinvolgere anche cari amici: se sperate che vinca il grigio, siete nati per servire.”

    2) Ho visto un pezzo del comizio di Grillo. Secondo me vince. Se vince, per il PD e il PDL è un disastro incommensurabile.
    Fossi in loro, brucerei gli archivi del comune, domenica sera.

    Povero Sig. Erasmo, come si è ridotto. E’ mai possibile che non si renda conto che ha definitivamente perso anche quel minimo di credibilità che gli è rimasta?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: