Skip to content

Risposte

03/07/2012
by

3 luglio 2012 a 12:54 PM

Top Ganz

P.S. @ Erasmo Gattapelata
Leggo solo ora, a proposito dei prossimi tagli alle spese dello Stato e in particolare della loro urgenza, questa tua proposta:
“Il sig.Train potrebbe, responsabilmente, dimettersi.”.
Bè, io ti prometto che appoggerò questa tua campagna contro Jazztrain se mi dirai che diavolo di mestiere fai tu… 

Un beneamato cazzo tutto il giorno.

Annunci
39 commenti leave one →
  1. jazztrain1 permalink
    03/07/2012 10:41 pm

    Fantastico, semplicemente fantastico!!

    🙂

  2. 04/07/2012 12:28 am

    Ma soprattutto vero, semplicemente vero.

  3. 04/07/2012 12:34 am

    “ULTIME DA PORTO KUNNU”:

    Qualche topgonzo dev’essere tornato alla matrice donde uscì.

    • 04/07/2012 5:42 am

      Buondì Thorgen, ho appena letto l’ultima scemenza partorita dal pover’uomo; non riesco ancora a credere che si possa arrivare a tale livello d’imbecillità. Vorrei chiedere per curiosità personale ai suoi compari di merende, che hanno sempre una risposta arrogante su tutto, anche quando non sanno quale sia l’argomento in questione (cfr. l’orgoglioso motto non l’ho letto e non mi piace), se trovano divertenti simili sproloqui notturni e soprattutto se li trovano profondamente intelligenti.

      • Che gran bugiardo è il Sior Erasmo permalink
        04/07/2012 4:13 pm

        Tutti sanno che il Sior Erasmo dice bugie grosse quanto una casa. Stavolta ha superato se stesso come prova questo commento: “Divertenti sì, intelligenti no: è roba sua, sa sig.Train?”

        No, Sior Erasmo, sa benissimo che questo è un post che avete scritto voi ratti di fognolandia e che attribuite falsamente a Jazztrain. Sior Erasmo, non si vergogna a dire bugie così clamorose?

  4. Top Ganz permalink
    04/07/2012 10:45 am

    Che ne dite, ragazzi, di questo decreto legge in articolo unico?
    “E’ fatto espresso e rigoroso divieto ad ogni persona fisica o giuridica di corrispondere compensi di qualunque forma, anche estero su estero, al Sig. Gattapelata da Rottercatz Erasmo, nato a ….., il …, residente a …., Cod.Fisc. GTTATADRTRCTZRSA….., e a chiunque eserciti il suo attuale mestiere per prestazioni connesse al mestiere medesimo.”

    E già che ci siete, spiegatemi anche un paio d’altre cosette.
    1) Perché sento che la reticenza del Gattapelata riguardo alla propria attività lavorativa nasconda un chilometro di coda di paglia?
    2) Perché (ma forse è lo stesso interrogativo) ho tanto l’impressione che, se davvero introducessero la norma sopra formulata, l’Italia e la sua economia – come minimo – non ne avrebbero assolutamente a soffrire?

    • 04/07/2012 3:42 pm

      1) Magari si vergogna del lavoro che fa;

      2) Può darsi, Top Ganz, può darsi.

      • Top Ganz permalink
        04/07/2012 6:36 pm

        Nella fogna lui risponde dicendo di fare il gigolò, un mestiere che, allargando opportunamente il nostro punto di vista, possiamo giudicare tutto sommato benemerito, socialmente parlando. Naaa, che gigolò. Gli piacerebbe.
        Magari fosse, per lui. Perché Erasmuccio di mestiere fa molto, molto di peggio dal punto di vista dell’utilità e dell’etica sociale. Per questo, non per altro, evita di chiarire la questione. Per questo, non per altro, invida professioni come l’insegnante.
        Credo che Erasmo faccia uno di quei lavori per cui, quando un bimbo gli chiede “E tu, che mestiere fai?”, a lui viene voglia di strangolarlo.

      • jazztrain1 permalink
        04/07/2012 8:09 pm

        Invidia erroneamente il mestiere dell’insegnante perché crede che sia un lavoro facile e poco impegnativo e soprattutto crede alla leggenda metropolitana secondo la quale ci sono ben 3 mesi di vacanze.

      • jazztrain1 permalink
        04/07/2012 9:14 pm

        Mi ha colpito questa riflessione del nostro carissimo amico: “Di nessun mestiere ci si deve vergognare, purché lo si svolga coscienziosamente, e lo si sia ottenuto per proprio merito. Ci faccia, ci faccia un esempio di mestieri di cui vergognarsi.”

        Ci mancherebbe altro, chi non condividerebbe un’affermazione secondo la quale chi lavora coscienziosamente e per merito suo non si deve
        vergognare di alcunché. Il problema è un altro: c’è chi si permette di fare affermazioni lesive e diffamatorie sulla mia professionalità esprimendo giudizi a carattere personale. La stessa persona, però, si guarda bene dal dire pubblicamente che lavoro fa, forse perché teme di subire a sua volta le vigliaccate che lui quotidianamente dedica al sottoscritto.

    • 05/07/2012 12:27 am

      Doverosa correzione, caro Top: “erasmo da Rottincul”.

    • 05/07/2012 12:31 am

      Erasmo

      4 luglio 2012 at 18:01

      Eccomi qua, sig. Train

      Certo, poi si sveglia dai suoi bei sogni tutto madido di s…vabbè, di sudore.

  5. 05/07/2012 3:31 am

    red. cac.

    5 luglio 2012 at 00:04

    Veda il caso del sottoscritto che arriva a invidiare gli insegnanti, anche quando sono dei sigg. Trains, pur essendo insegnante.

    Se l’uomo – si fa per dire, in questo caso – non è fatto a compartimenti stagni, non osiamo nemmeno immaginare il sig. cac. come insegnante: che orrore.

  6. 05/07/2012 3:38 am

    …Tra parentesi, questo caprone non sa nemmeno contare:

    p.p.p.s.
    100 secoli sono tre milioni di anni, sig. Trains.

    Ma dove ha studiato la matematica il sig. cac., alla Radio Elettra per corrispondenza?

    • Quanto è velleitario permalink
      08/07/2012 1:22 am

      Alla Radio Elettra avrà avuto modo di conoscere un altro brillante corsista: il suo leader Umberto Bossi.

  7. il caprone scatenato permalink
    05/07/2012 7:47 am

    Ne ha fatta un’altra delle sue: “si sforzi e veda di riuscire a crederci, e poi di farsene una ragione.
    Piuttosto, perché Le secca tanto il fatto che, grazie a qualche glossa, il lettore crede che l’autore stia scherzando?

    A proposito: il manoscritto ci è giunto anonimo. Ha mica idea, Lei che quanto a bibliografia
    sul nobil juoco è raro ermeneuta, di chi possa essere l’autore?”

    Sior Red. Cac., vada a raccontar frottole a sua sorella o a qualche altro fesso come lei.

  8. Top Ganz permalink
    05/07/2012 9:43 am

    Sempre il solito maestro di disonestà intellettuale, il Gattapelata.
    Capito? Lui per anni prende di mira con pesanti insulti e ingiurie una persona che sa essere insegnante senza mai chiarire lui, a sua volta, che mestiere faccia e a quale titolo. Di fronte a una simile lampante reticenza, uno avanza il dubbio malizioso quanto legittimo, che il Gattapelata si vergogni un po’ del lavoro che fa. Ecco allora il fariseo che è in lui affrettarsi a stracciarsi le vesti e sciogliersi tutto di moralistico sdegno:
    “Di nessun mestiere ci si deve vergognare, purché lo si svolga coscienziosamente, e lo si sia ottenuto per proprio merito.”.
    Verrebbe da dire: grazie al cavolo! Chi si è mai sognato di mettere in dubbio un simile principio? L’America ha fondato il suo sviluppo e il suo mito su di esso. Il problema, però, è proprio questo, Sig. Gattapelata, che lei non accusa qualcuno di fare un mestiere in sé vergognoso, ma appunto di farlo disonestamente e/o di averlo ottenuto immeritatamente.
    E’ il motivo per cui, verificata l’ennesima sua ciurlata nel manico, torniamo a chiederle: lei, che vede e giudica chi conduce e chi non conduce onestamente il suo lavoro (o magari l’intera sua stessa esistenza), sarebbe così gentile da dirci quale mestiere o professione svolge lei, a sua volta, e come è arrivato a poterla svolgere?
    Resta inteso che, nel caso – pienamente legittimo – lei non intenda rispondere e non risponda, noi – altrettanto legittimamente – continueremo a non escludere che lei, del suo mestiere, si vergogni po’, magari proprio per le ragioni (disonestà e/o mancanza di merito) che noi avevamo sottinteso come ovvie ed obbligate e che lei, per pura malizia dialettica, ha voluto ricordare nella sua replica.
    A proposito: veda di raccimoplare tutta la sua dignità e di risponderci qui, cioè di non postare la sua replica in ambito diverso da quello dove la richiesta le viene avanzata, cioè questo blog, da lei d’altronde letto più che assiduamente. Perché anche quello suonerebbe a tutti – come è già suonato più volte – un chiarissimo sintomo di mancanza di serenità e sicurezza. Va da sé che, sostituendomi all’ottimo nostro ospite Thorgen, le posso garantire che qui – contrariamente a quanto avviene nella latrina dove lei deposita solitamente – nulla sarà toccato del suo commento, a cominciare dal nome del mittente, e che esso sarà pertanto integralmente qui riprodotto.

    • 05/07/2012 4:01 pm

      Confermo quanto scritto dall’amico Top: se il sig. erasmo riuscirà a trovare i suoi testicoli e posterà qui la sua risposta, quest’ultima verrà pubblicata interamente e senza alcuna modifica.

      PS: e poi non rinunceremmo certo all’occasione di farci quattro risate nei confronti del sig. erasmo.

  9. 05/07/2012 10:33 am

    E pensare che tutti i suoi degni compari di merende, non si vergognano affatto di dire pubblicamente che lavoro fanno.

    Top Ganz, condivido il tuo nobile appello, purtroppo rimarrà inascoltato perché il nostro amico ha parecchi difetti:

    1) è un Ipocrita;

    2) è un Bugiardo matricolato;

    3) è un Vigliacco.

    Non avrà mai il coraggio di venire qui e non risponderà mai alle domande di coloro che arrogantemente considera fessi. Peggio per lui, sarà trattato con il disprezzo che merita un anellide come lui.

  10. Top Ganz permalink
    05/07/2012 12:29 pm

    Ma, se è ipocrita, bugiardo e vigliacco, residuano ben poche speranze che faccia onestamente un onesto lavoro.
    Lo vedi Perspicuo? Non è cattiveria, è logica.

  11. 05/07/2012 4:06 pm

    Scintilla

    5 luglio 2012 at 08:34

    CVD.
    Il sig. Train crede di essere considerato non adatto a insegnare per via dell’onanismo furioso.

    E’ tornata la scoreggia scintillante. Devono aver mangiato pesante, là dai topgonzi.

  12. Top Ganz permalink
    05/07/2012 6:29 pm

    Niente da fare anche stavolta, Thor. Il tizio, di là, la butta in politica.
    Noi gli chiediamo che mestiere faccia – magari, chissà, per quanto ne sappiamo è uno dei galoppini di Lombardo stipendiato da Pantalone (il che, per inciso, spiegherebbe la sua grande diponibilità di tempo libero) – e lui, per tutta risposta, ci racconta l’acqua calda dei dipendenti della Regione Sicilia più numerosi di quelli di Downing Street. E ce la racconta come fosse chissà quale inaudito scandalo (detto tra parentesi, lui è sempre stato un gran fan di quel Bruto Maggiore di Cuffaro).
    Vabbè, Gattapelata, abbiamo capitoe ce ne faremo una ragione: non ce lo vuoi dire che lavoro fai. Te ne vergogni un po’. E ti capiamo anche in questo. Come non detto e amiconi come prima.

    • Top Ganz permalink
      05/07/2012 7:55 pm

      Erasmo 5 luglio 2012 at 19:23
      “Sono molto deluso, sig.Topo. Lei non è neppure in grado di convenire che le assunzioni clientelari sono uno scandalo. A lei importa soltanto di chiudere le discussioni accusando l’interlocutore di essere dalla parte di Cuffaro, o di Berlusconi, o di vattelapesca. E’ su sudditi come lei che fanno conto i nostri politici per continuare a fregare i nostri soldi. Mentre lei si appaga andando a caccia di fascisti, quelli le sfilano abilmente il portafogli. Abilmente? si fa per dire. Con il callo sulle chiappe che lei si ritrova, non si accorgerebbe neppure se le infilassero un semaforo.”

      Porello. Ma ‘n t’a pija’ così, màgnece n’ po’ de pane, che sinnò te fa mmale.

      • Top Ganz permalink
        05/07/2012 7:57 pm

        POSCRITTO (ULTIMO)

        Sei sordo? Cieco? Ce devi da dì che cavolo de lavoro fai.

      • 05/07/2012 8:42 pm

        Erasmo mi ricorda tanto Buttiglione quando fu temporaneamente nominato Commissario Europeo. I parlamentari europei gli chiesero chiarimenti su alcune sue affermazioni politiche omofobe e lui rispose parlando d’altro, Non c’è da stupirsi, caro Top Ganz, se ti risponde in questo modo; vuol dire che ha qualcosa da nascondere e che si vergogna veramente del lavoro che fa. In fondo cosa c’è da aspettarsi da un tipo poco trasparente come lui?

  13. 05/07/2012 9:36 pm

    “Sei sordo? Cieco? Ce devi da dì che cavolo de lavoro fai.”:

    Ma te l’ha detto, no? Lo gigolò: solo che esercita sotto i cavalcavia di Mestre.

  14. Top Ganz permalink
    06/07/2012 10:41 am

    Porello. Chissà l’umidità!

    • 06/07/2012 3:21 pm

      Eh, purtroppo fare i soldi dando via il culo può avere i suoi inconvenienti.

  15. 06/07/2012 3:39 pm

    …a proposito:

    Erasmo

    5 luglio 2012 at 22:55

    Uno che si schiera sempre a difesa dei parassiti è improbabile che produca ricchezza.

    Certo che il sig. erasmo di parassiti se ne intende: col lavoro che fa chissà quanti ne avrà annidati nel suo culo.

    • jazztrain1 permalink
      06/07/2012 4:23 pm

      Lui ed i suoi compari di merende sono in realtà dei parassiti. Non fanno altro che trascorrere le giornate a copiare ed incollare e parlar male delle loro ” vittime:” Almeno le loro “vittime” propongono qualcosa che potrebbe interessare i loro lettori, loro manco quello perché non sono capaci di proporre qualcosa di originale.

      • 07/07/2012 8:07 pm

        Per farla breve, il sig. erasmo non vale un cazzo.

    • Top Ganz permalink
      06/07/2012 5:09 pm

      E’ questa la ragione per cui è assai probabile che Erasmo Tidalorgasmo si riferisca a se stesso. Se invece si riferisse al sottoscritto, bè, una volta di più il Gattapelata si sbaglierebbe e proprio di grosso: faccio infatti notare di non essermi mai schierato a difesa sua né di altro parassita.

      • Top Ganz permalink
        06/07/2012 5:19 pm

        Dimenticavo una cosetta per Pardipalle. Che faccio per vivere l’ho già detto più volte, quando richiesto, quando aveva senso che lo dicessi e quando mi andava. Per cui il Sig. Pardipalle – ove davvero la cosa gli interessasse e salvo andarsi a scartabellare gli archivi di parecchi blog – dovrà attendere il prossimo contemporaneo rinnovarsi di questa triplice coincidenza.

        P.S. Ma allo stesso fine può sempre chiedere lumi e/o aiuto al Gattapelata Manidifata. Lui è sempre così bravo ad inventars…, pardon, a ritrovare tutto

  16. 06/07/2012 11:53 pm

    Di questo passo, pensa il sig.Train, un analfabeta nella scuola potrebbe essere seriamente discriminato.

    Mentre i sigg.ri Cacche continuano tuttora indisturbati a far danni nella scuola.

  17. i desideri parafiliaci di Red. Cac. permalink
    07/07/2012 5:04 am

    Un piccolo troll senza arte né parte il cui sogno sarebbe quello di entrare a far parte del branco per diventare qualcuno, vorrebbe organizzare con lor SIORI: “…una cena estiva? Per gastronomia, e per discutere dei massimi sistemi? “
    Una proposta ruffiana che suscita la naturale diffidenza di teddy, mentre il sior erasmo, altrettanto sospettoso, preferisce tacere. Invece, il sior Red. alla sola idea di poter essere invitato a cena da qualcuno, scrive un altro dei suoi parafiliaci commenti rivelando in pubblico i suoi morbosi desideri: “Io ci sto. Anche se fosse all’Asinara. Anzi, meglio, perché vorrei proprio che ci fosse anche il sig. Train. Così, mentre voi discutete di massimi sistemi, io che non ci capisco un cazzo come il sig. Train, mi apparto con lui a discutere di filosofia piluccando sauri (quelli che ha congelato e porterà avvolti nel pannolone originario).”

    Il sior. Red. Cac., pur di elemosinare un po’ d’attenzione da parte di Jazztrain, sarebbe capace di vendersi per un piatto di lenticchie, altro che sauri congelati.

  18. Oi dialogoi permalink
    07/07/2012 6:55 pm

    5 commenti
    Erasmo
    27 giugno 2012 at 19:43

    Come sarebbe, “in fede”? e l’Osservanza, dove l’ha messa l’Osservanza?

    Replica
    sig. Train
    27 giugno 2012 at 19:50

    Con osservanza lo dico solo a Malvino.

    Replica
    malvino
    27 giugno 2012 at 20:41

    Malvone, please.

    Replica
    topgonzo
    27 giugno 2012 at 21:41

    Il commento risulta autentico.

    Quale commento, Sior topgonzo, quello di Malvino? Se è così allora ha ammesso pubblicamente che il commento firmato Sig. Train è un falso.

  19. Ahahahaha quel povero fesso del signor Erasmo permalink
    07/07/2012 7:10 pm

    Il Sior Erasmo ne ha detto un altra delle sue: ” Ma scusi, sig.Train. Lei ci sembra in contraddizione. Noi concordiamo che lei e gli altri fessi proponete scritti che interessano i nostri lettori (“divertono” è parola più appropriata).
    Quali sarebbero gli scritti divertenti Sior Erasmo, quelli dedicati al gioco degli scacchi, della dama o quelli dedicati al jazz. Più volte ha ammesso pubblicamente che non capisce nulla di queste cose.

    “Ma perché parassiti? La nostra missione è proprio quella di esporre i fessi al pubblico.”

    Già, non è facile trovare fessi come voi che si lodano e s’imbrodano per ogni rumorosa scorreggia che emanano;

    “Inoltre, facciamo un chiaro collegamento fra la vostra fessaggine e fenomeni più ampi che riguardano l’intera società.”

    Esagerato, non s’allarghi, un po’ di modestia non le farebbe male. Capisco che la sua fessaggine è a livelli cosmici, ma non le spari grosse per cortesia;

    “Svolgiamo quindi un’alta missione di ricerca, e lei ha l’onore di parteciparvi, come fu per le rane di Galvani.”

    Anche quando va a battere come gigolò in quel di Mestre svolge un’alta missione scientifica o lo fa solo per il vil denaro?,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: