Skip to content

Ariecco i classisti

10/08/2012
by
 
Meltemi

10 agosto 2012 at 21:19

Guardi Parsifal che deucc bank non è neppure ignoranza; è una lesione del sistema nervoso centrale nell’elaborazione delle percezioni. Ciò che preoccupa è il numero di neurolesi che lavorano nell’informazione. Non potrebbero dedicarsi all’agricoltura o all’artigianato? Con tutto il rispetto per queste due nobilissime attività.” 

Anche quest’altro snobbettino del belìno non scherza:

1 agosto 2012 at 21:23

Invochiamolo. Poi facciamo una colletta per il sig. Train quando lo retrocederanno a sottobidello lavacessi precario

 

 

 

Annunci
8 commenti leave one →
  1. jazztrain1 permalink
    10/08/2012 11:38 pm

    L’unico cosa che interessa a quel taccagno e al suo degno compare Erasmo è il vile denaro. Credo che i due compari siano avarissimi; l’uno appartiene alla classica tradizione genovese, l’altro è un rustego di goldoniana memoria.

  2. 12/08/2012 4:37 pm

    I due figuri in questione sono tipici esponenti della piccineria più gretta, quella piccolo borghese: profondamente classisti, tronfi della loro piccola cultura ottenuta per via scolastica, gelosissimi dei loro privilegi di casta, reazionari, ostentatamente liberisti finché il liberismo non tocca il loro culo; e pieni di ressentiment (in senso nietzschiano, sig. cac.) verso tutto e tutti, soprattutto verso chi sanno migliore di loro.

  3. E' un dato di fatto permalink
    12/08/2012 10:58 pm

    Ormai non si sopportano più e credo che il dissidio tra i due sia ormai insanabile; teddy: “selezione ed eliminazione sono concetti un po’diversi. Il liberismo seleziona i migliori, il nazismo elimina i più deboli. Le sembra la stessa cosa?”

    Parsifal: “La differenza è che il nazismo predica l’eliminazione degli esseri umani ritenuti inferiori (con criteri mostruosi), il liberismo predica l’eliminazione dei sistemi economici che secondo la prova dei fatti non sono in grado di sostenersi. Certo che la differenza è enorme e Herr Issing infatti ha parlato dei secondi. Non è molto corretto estrapolare quattro parole da un contesto.”

    teddy: “Lei continua a far confusione, caro ex collega. Il concetto di “eliminazione” nel liberismo non è neppure contemplato.
    Inoltre, La invito gentilmente, per l’ennesima volta, ad astenersi da giudizi moralistici su ciò che scrivo. Io non lo faccio e gradirei essere ricambiato con la stessa moneta. E’ un concetto cristiano che Lei certamente conosce.
    E non vorrei più ripeterlo. Grazie.”

  4. Prima o poi permalink
    13/08/2012 7:30 am

    al buon red. cac. gli scoppierà il fegato: “Sig. Train, chiami qui il reggicoda a dire che se l’aspettava, il periodo ipoettico misto.”

    Perbacco, quanto gli brucia essere bacchettato.

  5. Parsifal e le Olimpiadi permalink
    13/08/2012 12:45 pm

    Segnalo questa perla del sior Parsifal che si è messo a fare quattro conti tra nazioni, numero di abitanti, pil e medaglie. Qual è la soluzione, secondo il Sior Parsifal? Risposta scontata: “Perché è ovvio che tutto ‘sto carrozzone è un costo che grava in gran parte sulle spalle dei contribuenti. Così come il welfare pro capite costa meno in Germania che in Italia, siamo convinti che troveremmo uno spread anche in questo settore. E qualcuno dovrebbe andare da Petrucci, o il suo successore, con le forbici in mano.”

    Il sior Parsifal non sa di cosa parla; le medaglie sono state conquistate da sport di nicchia la cui visibilità è nulla. Si è mai chiesto quel fesso di Parsifal quanti soldi dà Petrucci alla FIGC (Federazione Italiana Gioco Calcio) e quanti soldi dà alle Federazioni quali tiro con l’arco, taekwondo, judo, scherma etc.? Tra l’altro, queste federazioni di sport di nicchia, ogni anno che passa, prendono sempre meno contributi da parte dello stato perchè sono state martoriate dai tagli. Lo sport in Italia orbita intorno al carrozzone del Dio pallone e quel fesso di Parsifal non l’ha ancora capito.

    Addendum: Il Sior Parsifal ha detto che i paesi europei confrontabili con noi sono tutti sopra; i casi sono due o non sa leggere oppure è in malafede; se si esclude la Gran Bretagna, paese organizzatore che ha abilmente sfruttato le sue risorse economiche per prepararsi al meglio nelle gare olimpiche, terza assoluta nel medagliere dopo USA e Cina, non c’è grande distanza tra Italia, Germania e Francia [sarebbero bastate un paio di medaglie come nel caso della pallanuoto o del pugilato che da argento si fossero trasformate in oro e l’Italia sarebbe stata vicinissima alla Francia e alla Germania con una medaglia di differenza a favore di quest’ultime]; inoltre, l’Italia precede nel medagliere nazioni come Ungheria, Spagna, Norvegia, Svezia, Olanda etc.

  6. Ancora sulle Olimpiadi di Londra permalink
    13/08/2012 5:52 pm

    Qualcuno che non aveva nulla di meglio da fare ha scritto questo importantissimo commento: “Ieri sera ho provato per una mezz’oretta a vedere la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi: uno degli spettacoli di maggior cattivo gusto di sempre. Chissà se al Beppe è piaciuta.”

    Chissenefrega.

  7. Il sesso seconfo i topgonzi permalink
    13/08/2012 10:59 pm

    “Ma quando si tratta di portare fuori una ragazza non badiamo a spese, sig.Train. Beato lei che fa tutto gratis, con le fidanzate.”

    Ragazza o prostituta Sior Erasmo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: