Skip to content

Due paroline due al sig. studente di itagliano

12/10/2012
by

Studente di itagliano

12 ottobre 2012 at 18:12

Anzi, sig Train, metta che deve restituire tutti gli stipendi che ha rubato in questi anni, fingendo di conoscere la materia che dovrebbe insegnare, mai soggetto a valutazione?

Perché queste accuse non le muovi  facendo pubblicamente il nome e il cognome di Jazztrain, così poi vediamo cosa succede? Non ti affannare a rispondere, caro, te lo dico io perché:  perché sei un povero codardo, tutto qua.

 

 

Annunci
19 commenti leave one →
  1. jazztrain1 permalink
    12/10/2012 6:47 pm

    Thorgen, sono così allibito da queste accuse così violente e così cariche d’odio fatte da un tizio che non conosco affatto, che non riesco a capirne la ragione.
    Questo la dice lunga sull’istigazione all’odio che hanno fatto nel tempo i vari Erasmo, Red.Cac. Teddy, Parsifal. Un esaltato come questo non avrebbe avuto motivo ad agire così impunemente se non avesse avuto il tacito appoggio di simili personaggi.

  2. jazztrain1 permalink
    12/10/2012 7:19 pm

    “Eh, non sa chi è…
    Lui sa chi è Lei, invece. Ne riconosca e ne elogi la discrezione.”

    Per me è un anonimo e gli anonimi come lui non hanno dignità.

    • 13/10/2012 1:31 am

      Normalmente la “discrezione” del sig. studente de sto’ cazzo si chiama “vigliaccheria”: per quanto ci riguarda se la può quindi ficcare dove non batte il sole.

  3. La faccia di tolla di Erasmo permalink
    12/10/2012 11:30 pm

    Una pacata riflessione erasmiana: “Ignoriamo se il sig.Studente la odi, ma ne dubitiamo assai. Questo suo vezzo berlusconiano (“contro di me odio e invidia”) è la manifestazione di una sua mania di persecuzione, sig.Train.”

    Dubiti quanto vuole, Sior Erasmo, però le facciamo gentilmente notare che chi ha scritto una frase come questa, che riportiamo cortesemente alla sua attenzione “Anzi, sig Train, metta che deve restituire tutti gli stipendi che ha rubato in questi anni, fingendo di conoscere la materia che dovrebbe insegnare, mai soggetto a valutazione?” non l’ha fatto, come lei vorrebbe farci credere, per manifestare affetto o amore disinteressato del prossimo; l’autore ha lanciato una accusa pesante nella quale si dice senza mezzi termini che è stato commesso un reato. Ebbene, le ricordo che accuse come queste sono molto gravi e se non sono provate, si configura il reato di calunnia a mezzo stampa che è molto più grave della diffamazione.

    Addendum: in futuro, sior Erasmo, consigli i suoi ospiti o, come li chiama Jazztrain, i suoi fiancheggiatori di moderarsi con le vostre vittime; non vorremmo che, a causa del loro eccessivo zelo nei vostri confronti, vi creino guai seri con qualche parola inopportuna e che, a causa della loro stupidaggine, ne paghiate voi il fio.

  4. 13/10/2012 2:00 am

    “…non l’ha fatto, come lei vorrebbe farci credere, per manifestare affetto o amore disinteressato del prossimo”:

    L’ha fatto perché è solo un vigliacchetto che si diverte ad offendere al riparo del proprio comodo anonimato, ben sapendo che per rischiare qualcosa con la legge dovrebbe accompagnare le proprie offese con nome e cognome di Jazztrain.

  5. jazztrain1 permalink
    13/10/2012 9:05 am

    Vorrei far notare, caro Thorgen, il comportamento ricattatorio di un componente della corte dei miracoli(si presume che sia Erasmo l’autore) “Lui sa chi è Lei, invece.”

    Per una volta voglio credere alle parole di Erasmo; ebbene, non credo che le azioni del mio “conoscente” siano ispirate da nobili sentimenti. Servirsi dell’anonimato per tramare alle spalle di una persona che si dice di conoscere è sicuramente un atto talmente vile da suscitare nelle persone di buona volontà un sentimento di profondo disprezzo per la squallidissima vicenda. Stendiamo poi un velo pietoso sul viscido comportamento di Erasmo e company che si sono comportati in questo caso come i veri eredi dei compari di merende di paccianiana memoria (aveva visto bene Malvino quando li definì così per la prima volta).

    E se quello che dice Erasmo non fosse vero? Allora abbiamo a che fare con un millantatore che per avere un po’ di attenzione da parte di un branco di vecchi rancorosi maniaci, ormai prossimi al crepuscolo della loro esistenza, non esita a lanciare pesantissime accuse con il misero scopo di accattivarsi la benevolenza dei suoi padroni.

    P.S. Se hanno creduto alle sue parole vuol dire che sono ancora più fessi di quanto immaginassi.

  6. Totale sbarellamento permalink
    13/10/2012 10:23 am

    Non sapendo come rispondere, il sior Erasmo cerca di appigliarsi disperatamente a un cavillo, pur di aver l’ultima parola: “ormai prossimi al crepuscolo della loro esistenza”. Grazie, sig.Train, di questo augurio, inserito giusto giusto in un testo nel quale lei stigmatizza altrui presunti comportamenti ricattatori.
    Tenga conto, sig.Train, che la Signora con la falce non passa sempre dall’anagrafe per fare le sue scelte. Meglio non fare gli sbruffoni.”

    Non c’è dubbio sior Erasmo, le diamo ragione riguardo la questione sulla Signora con la falce. Non è detto però che il crepuscolo sia immediato, può essere lunghissimo e comporta a poco a a poco un lento ma costante declino fisico-spirituale.

    • 14/10/2012 3:22 am

      Va detto peraltro che quando – presto o tardi – la Signora con la falce ci libererà finalmente dal sig. cac., il pianeta intero* ne guadagnerà.

      *Non abbiamo parlato del genere umano, perché notoriamente il sig. cac. non vi appartiene.

  7. A proposito di spie permalink
    13/10/2012 11:26 am

    ecco un’altra spia il cui nick è Paoletta: OT http://nonvolevofarelaprof.blogautore.espresso.repubblica.it/2012/10/12/lettera-molto-seria-di-una-insegnante-al-ministro-profumo/

    Poteva mancare la risposta del sior Erasmo? Certamente no: “La Signorina ha ragione, ma l’unico modo per uscirne è sfrondare le sovrastrutture e far affiorare il vero conflitto, che è fra insegnanti bravi e insegnanti che non lavorano, o non lavorano bene. L’omertà attuale umilia gli insegnanti di valore e rende la scuola simile a un’immensa Scampia”.

    Capolavoro di gesuitismo, non si capisce cosa intenda per sovrastruttura; forse i ministeri, i provveditorati, i dirigenti, le segreterie e il personale A.T.A. gli insegnanti o le scuole stesse. Ci sembra invece che i tagli ci siano e colpiscono esclusivamente le ore curriculari delle materie, per non parlare dei fondi che lo Stato elemosina alle scuole di ogni ordine e grado. Per non parlare dell’accorpamento delle scuole (dirigenti che dirigono 4 scuole contemporaneamente, smantellamento delle segreterie, dell’aumento del numero degli studenti per classe e così via). Se invece si riferisce a qualcuno in particolare faccia nome e cognome sior Erasmo, non sia pavido.

    Ultima ora.

    Dopo Erasmo, ecco Cac.One che scrive un diarroico commento dei suoi prendendosela con Galatea e Jazztrain accusandoli di tutti i mali possibili ed inimmaginabili. Sin qui nulla di strano, conosciamo le sue noiosissime filippiche, ma ecco una sconvolgente affermazione:”…ci son docenti incapaci con cui è pur possibile, quando consapevoli dei loro limiti e non lavativi, aver buoni rapporti personali.”

    Dove si troverebbero costoro sior Cac.One? Forse nella sua scuola? Eh già, colpiamo tutto e tutti ma non nel mio cortile, semmai in quello del vicino. Ottimo esempio d’intransigenza in casa d’altri e d’indulgenza in casa propria, vero Cac.One?

  8. Basta poco permalink
    13/10/2012 5:12 pm

    a far perdere le staffe a Cac.One:”Se La spaventa questo che Lei chiama pippone e non lo è, non si sforzi troppo: se lo faccia leggere da qualcuno che non sia, possibilmente, il reggicoda o topo gonzo: quelli non sono molto meno asini di Lei.”

    Cac.One, i suoi pipponi sono tali perché sono lunghissimi, inutili e noiosissimi. Ripete sempre gli stessi concetti infinite volte. Quando cerca d’esporre un argomento non è in grado di farsi capire perché è un grandissimo confusionario e perché fa spesso salti di palo in frasca a dispetto della logica. Le ricordo che anche una come Galatea le ha più volte rimproverato che lei non sa scrivere perché non ha metodo, non ha il dono della sintesi e perché, a differenza di un Malvino, tanto per citare uno dei migliori blogger italiani, non ha contenuti da proporre. Ecco spiegato il motivo per cui lei rimarrà sempre, nonostante la sua patetica vanagloria, un mediocre. Pertanto, i suoi pipponi non fanno paura, quella la fanno ai fessi di cultura scolastica alla Erasmo o alla teddy, personaggi altrettanto mediocri che soffrono nei suoi confronti di complesso d’inferiorità. L’unico pregio che hanno i suoi interminabili pipponi sarebbe quello di far sbellicare dalle risate i frequentatori di questo bellissimo blog ed è per questo che la ringraziamo di cuore. E’ raro trovare un imbecille come lei, lo sa?

    • 14/10/2012 3:28 am

      “quelli non sono molto meno asini di Lei.”:

      Di certo molto meno minchioni del sig. cac.

  9. A proposito di pipponi permalink
    14/10/2012 6:03 am

    Cac.One ne ha appena scritto uno, lunghissimo e noiosissimo, ricco di pseudocitazioni letterarie da erudito di quarta categoria solo per raccontare:
    1) le vicende del forum del Riformista che a nessuno interessa perché ormai è morto e sepolto;

    2) Sul fastidio che hanno provato perché il blog di Jazztrain aveva superato le 15.000 visite (l’invidia, che brutto sentimento);

    3) sul fastidio che hanno provato perché Jazztrain commentava in altri blog (che ve ne fregava e perché vi dava questo grande fastidio, lo volete spiegare una volta per tutte?);

    4) hanno ammesso di avere fatto i troll nel blog di Jazztrain e hanno cercato di colpirlo ovunque anche in altri blog (animo insaziabilmente vendicativo quello dei ratti)

    5) hanno ammesso di aver costruito un troll blog esclusivamente per punire Jazztrain (logica da spedizione punitiva, il nostro paese ne sa qualcosa in proposito di spedizioni punitive);

    Come si vede la meschineria dei topgonzi emerge alla grande, ed è per questo motivo che alla fine non riusciamo ad odiarli; fanno pena, ma meritano di essere puniti e sbeffeggiati per il loro comportamento inqualificabile. Non a caso è nato questo blog il cui scopo è quello di render pan per focaccia a simili personaggi che trovano divertente gettare fango in faccia ai loro mortali nemici; e per quanto cerchino d’ignorarlo, alla fine notiamo con piacere che non fanno altro che leggerlo quotidianamente constatando amaramente che il presente blog è per loro una dolorosissima spina nel fianco.

  10. L'età media dei topgonzi permalink
    15/10/2012 7:37 am

    Problema
    Qual è l’età media dei topgonzi? Se sommiamo indicativamente l’età di Cac.One, teddy, erasmo e parsifal l’età media sembrerebbe di 54 anni circa.
    Erasmo x, Cac.One y, teddy z, Parsifal il più giovane del gruppo ne ha 42 poiché è nato nel 1970. Se teddy è il decano, quanti anni hanno rispettivamente Erasmo e Cac.One?

    • L'algebra e il sior Erasmo permalink
      16/10/2012 9:05 am

      Il sior Erasmo ci chiede:“Scusi sig.Train, ma che scopo hanno x,y e z? Sta scrivendo un’equazione? Oppure le hanno raccontatato che esiste l’algebra, in qualche lontano paese?

      Non ci hanno “raccontatato”[sic!] un tubo. Si dice che lei da qualche giorno abbia compiuto la bellezza di 56 anni. Ci stiamo avvicinando velocemente ai 60, vero?

  11. Persino i topgonzi permalink
    16/10/2012 9:00 am

    Hanno notato che le foto di Cac.One fanno veramente schifo.
    Notate la reazione penosa del Cac.One:”La state distruggendo!
    Si fa quel che si può, sant’iddio! Magari il sig. Studente di itagliano forse si accontenterebbe, meglio una vacanziera russa di una occidentalista in fiore da quelle parti a rischio; ma adesso?”

    Ahahahahahahahahahah!

  12. Classico esempio permalink
    16/10/2012 12:02 pm

    Excusatio non petita, accusatio manifesta, come in questo caso: “L’esposizione al pubblico di alcune performance particolarmente degradanti del sig.Train potrebbe apparire inutile sadismo. Non lo è. Il sig.Train, così privo di difese intellettive e culturali, espone, senza neanche saperlo, le nudità di quella parte della sinistra italiana che ha scelto come punto di riferimento.
    Nel caso citato, si tratta della foglia di fico dell’antisionismo, che copre la vergogna dell’antisemitismo. Il sig.Train, che si esprime copincollando idee altrui, invece che fare riferimento a Martin Luther King preferisce altri maestri, più nostrani e più canaglieschi. Poi, richiesto di discuterne, purtroppo per lui scivola fuori del riparo della foglia di fico.
    Lo ripetiamo: esponendo le oscene nudità intellettuali del sig.Train esplichiamo semplicemente il nostro ruolo di socioentomologi. Nessun sadismo, come non è sadico il ricercatore che seziona lo scarafaggio.”

    D’accordo, sior Erasmo, perché sente il bisogno di giustificarsi se nessuno l’ha richiesto?

  13. 16/10/2012 2:20 pm

    Neanche noi siamo sadici, quando ci occupiamo del sig. erasmo: come il biologo che seziona lombrichi.

    • 16/10/2012 8:06 pm

      E’ un commento strano quello di erasmuccio, cosa l’abbia spinto a scriverlo non è affatto chiaro. Forse risponde a qualcuno di sua conoscenza che l’ha criticato in privato, forse intuisce che il suo cosiddetto “sadismo” sia un sintomo parafiliaco (il sadico prova piacere nell’infliggere umiliazioni alla sua vittima). Non lo sapremo mai; mi lascia perplesso la sua cervellotica tesi che è talmente balorda da risultare priva di fondamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: