Skip to content

Gli squadristi del web

21/01/2013
by

Una banda di squadristi neri (ma in divisa rigorosamente marron) imperversa ormai da anni nella blogosfera:  la loro Casa del Fascio sul web si chiama “Topgonzo’s Blog”, come passatempo aggrediscono in branco coloro che disprezzano e considerano esseri inferiori,  quelli che loro chiamano “fessi”; proprio come facevano i fascisti del Ventennio e quelli degli anni ’70 contro gli avversari politici, o al giorno d’oggi i nazisti russi contro le persone provenienti dall’Asia Centrale, la forma mentis e il modus operandi sono identici.  Quel che ci sfugge, in tutti questi casi, è come si possa essere così ossessionati da qualcuno che si disprezza tanto:  ma per quest’interrogativo preferiamo rinviare i lettori agli studi di psicologia di massa su fascismo e affini.

Annunci
24 commenti leave one →
  1. 21/01/2013 10:58 pm

    “Come si possa essere ossessionati da qualcuno che si disprezza tanto?” Bella domanda Thorgen, purtroppo non avremo mai risposta.

  2. Top Ganz permalink
    22/01/2013 1:04 pm

    Thor carissimo, se permetti osserverei una lieve inesattezza in quanto scrivi, lieve ma che finisce per generarti uno sconcerto in realtà fuori luogo, in particolare l’interrogativo su “come si possa essere così ossessionati da qualcuno che si disprezza tanto”.
    Perché il punto è proprio questo: il disprezzo di base loro lo provano per se stessi, non per gli altri, non per i fessi, sui quali essi non fanno che proiettare i loro complessi. Così, quando ad esempio sottolineano un errore e additano al pubblico ludibrio il suo autore, lo fanno proprio perché ossessionati dall’eventualità di subire un giorno proprio quella sorte, che in questo modo credono di allontanare, di esorcizzare. Le ragioni dell’accanirsi su errori tipo “un’uomo” vengono da lontano ed evocano un forte odore di bacchettate a sangue sulle nocche e di lunghe inginocchiate sui ceci. I loro assillanti chiodi sessuali richiamano immagini di pubertà malgestite, di complessi insuperabili, di milioni di coiti dispersi, di irrefrenabili coiti precoci, di difficoltà gravi nelle relazioni intersessuali, ecc., ecc..
    Loro si abbrancano perché la loro ossessione peggiore è il terrore di ritrovarsi accidentalmente fuori dall’omologazione, soli, alla mercè della censura e, non sia mai, dell’irrisione. E’ a questo scopo che ormai non escono più dalla loro tana: quale persona minimamente sensata non li contraddirebbe e non li irriderebbe al loro primo respiro? Mentre l’indiscussa apporvazione e l’immancabile sostegno (cose che per loro sanno di gatto caldo davanti al camino) di Pardipalle, del miser-habilis, del Gattapelata, di Teddy Smerda, di M.me Barbarà, di Giovanni Maria ecc. (trànghete!), di Merdoz e di tutta quella corte dei miracoli ad ogni loro scorreggia dà a ciascuno di loro il conforto di cui hanno bisogno e senza il quale s’ucciderebbero, cioè l’illusione che non siano gli ignorantoni, i cafoni, i complessati e i minorati mentali che sono in realtà. Il loro blog è insomma di una sorta di convitto per un gregge di pirandelliani enrichiquarti al contrario.

  3. Top Ganz permalink
    22/01/2013 1:38 pm

    Ora sentite Merdoz:
    “… sarei molto interessato alla tecnica virtuale grazie alla quale è possibile, in un thread, tenere fermo qualcuno mentre altri lo menano. Chi è così gentile da illustrarmela?”

    Allora se permetti, stronzo, sarò io stesso così gentile da illustrartela (e ringrazia).

    1) Innanzitutto, nel senso di “picchiare qualcuno”, si dice “menare (sottintese le mani) A qualcuno”, non “menare qualcuno” che invece continua a significare (per quanto obsoleto) “portare qualcuno”. E’ romanesco, quel romanesco che la diffusione cinematografica del dopoguerra ha finito per introdurre nella lingua e si è ritrovato esteso anche in partibus infidelium ac rebellantium quali sono anche i tuoi paraggi. Esempi: “J’ha mmenato er padre, a Merdoz”, “Quo’ stronzo de Merdoz ha mmenato a la moije”, “Che fai Merdoz: nun se mena a li regazzini!”, “Top Ganz ha mmenato a Merdoz, j’ha mmenato co’r randello”. Fidati e impara, stronzo.

    2) Nonostante tu abbia capito perfettamente che intendevasi parlare di pestaggio virtuale e non materiale, hai voluto fare lo spiritosone. Ahahahà! Solo così, per mischiarti al gregge pecoreccio dove anestetizzi i tuoi complessi di cafone, stronzo.

    3) Per il pestaggio virtuale, comunque, basta gestire un blog dove il branco possa impunemente maltrattare le vittime di volta in volta designate (nella fattispecie Parmenione), a volte attraendole in esso, sempre provocandole e aggredendole verbalmente, usando al fine ogni possibile scorrettezza e annientando il suo naturale diritto di replica. Il tutto attuato al mero fine di far sentire qualcuno anche i nessuno e perfettamente equivalente, per quanto in modo figurato, a “tenere fermo qualcuno mentre altri GLI menano”, stronzo.

  4. parmenione permalink
    22/01/2013 2:08 pm

    Signor top ganz. Ho trovato il suo blog. Grazie per le frasi a mia difesa scritte nel “blog” dei wu ming dopo l’intossicazione da lorazepam, frasi non riportate dai gestori del wc. Grazie ma non c’era bisogno: non può fregarmene di meno delle “opinioni” partoritr da un triste branco in cui a farla da padrona è la demenza senile. Pensi al povero von rotterdam: avrà la prostata quanto un pallone da rugby, una funz renale ridotta del 20-30%, farà una vita di merda… cosa gli rimarrebbe se gli si levasse lo sfizio di fare il fascista sul web con i suoi degni compari. Tra l’altro basta la logica applicata da un ragazzino x metterli al tappeto. Dopo le tonn di feci liquide piovutegli addosso domenica hanno dovuto bloccare i miei commenti e dare un’aggiustatina estetica a queelli precedenti x salvare la faccia (la loro si trova + o meno a livello del colon (e qui si aprirebbe un discorso sul vantaggio di non avere dignità xkè così non la si può perdere, ma lasciamo stare). Risultato xaltro malamente mancato.
    Cmq sono qui non per disquisire sul trattamento dei rifiuti organici ma per darle un conssiglio. Io non so se ci siano gli estremi per una denuncia, so però che la diffamazione sul web è esattamente come quella a mezzo stampa. Si rivolga a un avvocato. Da quel che ho capito qst storia va avanti da un po’; con certa “gente” essere civili e tolleranti non solo è inutile ma anche dannoso. Non perda tempo, denunci quelle merde, le strisciate sul water vanno pulite.

    • jazztrain1 permalink
      22/01/2013 3:23 pm

      Saluto il giovane Parmenione, gli dico soltanto che li conosciamo bene, sappiamo che razza di personaggi sono e così via. Ormai sono buoni per la rottamazione,tanto per usare un termine caro a un politico al quale hanno fatto recentemente da sponsor. Piuttosto, le diciamo che qui può intervenire quando vuole, se avrà qualcosa da dire sarà sempre il benvenuto. Stia tranquillo, i vari Erasmo e company non hanno il fegato di mostrarsi qui, perché sanno che le prendono di santa ragione.

      JT

    • 22/01/2013 7:56 pm

      Caro Parmenione, innanzitutto benvenuto in questo blog, si accomodi e resti con noi, qui Lei è tra amici. La Sua visita mi fa molto piacere, perché visto quel che stava succedendo in quella fogna avrei voluto contattarla prima, ma non sapevo come farlo, dato che i miei commenti nel blog tropstronzico sono bannati e il Suo nickname non rinvia ad un blog dove raggiungerla. Va detto peraltro che nei confronti di Top non vi sono gli estremi della diffamazione, ma che essi sussistono di certo per quanto concerne i numerosi commenti offensivi – da noi rigorosamente archiviati – dei tropstronzi nei riguardi sia di persone che di categorie lavorative ben specificate.

      PS:

      Aggiungo solo – quale informazione di servizio con cui i tropstronzi di certo si lacereranno (o lacerteranno?) selvaggiamente il membro a suon di commenti – che questo non è il blog di Top Ganz, ma è stato fondato e viene gestito da me: il che non cambia di una virgola quanto ho detto sopra, poiché ho aperto questo spazio proprio come segno di amicizia e solidarietà verso Top e Jazztrain; e ovviamente anche verso chiunque sia stato oggetto delle turpi attenzioni di quei vecchi compari dall’alito di merda.

    • Top Ganz permalink
      22/01/2013 8:24 pm

      Il fatto che ormai non escano più dal loro fortino di cacca essiccata – salvo affacciarsi in qualche blog satellite tipo quello di M.me Barbarà o di Merdoz – la dice lunga sul coraggio delle loro (per così dire) idee e dei loro comportamenti.
      Quanto a noi, Parmenione, siamo adulti (per quanto mi riguarda anche troppo, ahimé!) e vaccinati. Quello che consigli avrebbe una qualche pertinenza soltanto ove i loro maleolenti prodotti avessero davvero la capacità di diffamare qualcuno in genere e il sottoscritto in particolare. Ma, come tu stesso hai potuto verificare, quello che dicono, agli occhi di ogni essere raziocinante non può che discreditare loro stessi, semmai. Di solito già a primo acchito e in modo lampante.
      Riguardo invece ai rari soggetti che mostrano invece di apprezzarli, che vuoi: al mondo esiste tutto e il contrario di tutto, per raro che sia. Una prece. Sappi comunque che, nel giro di circa otto anni, hanno raccimolato qua e là – vediamo: M.me Barbarà, Marcello, Giovanni Trànghete!, lo Studente, Fesso Nardi, Merdoz, Myollnir, Rasko – diciamo sì e no una decina tra aficionados e saltuari estimatori, uno all’anno o poco più. Tutti soggetti psichiatrici come loro, naturalmente.
      Infine, questo dell’amico Thorgen, è il blog che lui ha voluto specificatamente dedicare allo studio e alla vivisezione del blog topgonzo. Naturalmente io e Jazztrain collaboriamo volentieri allo scopo. Per la verità, però, Jazztrain ha un suo blog di successo (www.jazztrain1.wordpress.com) su temi a lui cari (jazz e scacchi) e collabora sugli stessi argomenti con altri blog, mentre io ne tenevo uno di elucubrazioni varie (www.topganz.ilcannocchiale.it) che però aggiorno ormai molto raramente.
      Saluti.

      • Top Ganz permalink
        23/01/2013 11:35 am

        Di là i topstronzi ce l’hanno con “raccimolato”. Ma la cosa più interessante è che finalmente s’è saputo ufficialmente qual’è il loro riferimento culturale, direi quasi religioso, colui che per loro è creatore del cielo e della terra, e in particoalre di tutte le … scritture. Del resto, era un po’ un uovo di Colombo: trattandosi – ebbene sì – del correttore di word! Sì, naturalmente loro non mancano di proiettarne l’abuso su JT (che originaloni), ma lo capirebbe anche Marcello che trattasi di peculiarità tutta loro.
        Sì, Marcello, il poverino che non trova di meglio che accusare me di ricorrere sistematicamente all’offesa personale. Quasi non fosse lui lo stesso Marcello Pococervello che si intrattiene in quel bugliolo (come d’altronde gli si acconcia bene), spalleggiandone espressamente i titolari, riferendosi ai quali afferma: “sono accomunato a nomi di tutto rispetto che mi danno la certezza di non esserlo”. Eh, quando si dice le facili certezze! E quasi non fosse quello lo stesso bugliolo di blog che si pone istituzionalmente e dichiaratamente come mezzo di offesa e null’altro.
        Marcello? Trànghete!!
        Marcello? Se è questo il tuo modo di rispettare, rispettami questo!!

  5. 22/01/2013 7:58 pm

    ..al di là di tutto, il sig. merdoz è e resta un gran coglione (questa frase lo farà certamente godere come un riccio, perché penserà che io sia risentito nei suoi confronti o qualcosa di simile, mentre la mia è la semplice riaffermazione di una realtà acclarata, come dire che la Terra gira intorno al Sole et similia).

  6. Nulla di nuovo sul fronte topgonzico permalink
    24/01/2013 8:07 am

    Pare che i ratti si siano finalmente resi conto, per la prima volta nella loro inutile vita, di aver fatto una figuraccia con i fiocchi; non hanno più parlato di Parmenione, né hanno attaccato a testa bassa coloro che considerano i fessi storici, né hanno risposto al presente thread. Evidentemente, scatenare la furia del branco contro qualcuno, la cui colpa sarebbe stata quella di aver scritto ai loro occhi un commento poco ortodosso in un blog satellite, non sempre si rivela producente.

  7. parmenione permalink
    24/01/2013 6:05 pm

    Grazie per l’accoglienza, signori. In genere non sto molto su internet. Immaginate che non ho neanche il profilo facebook, probab in Italia saremo un centinaio i diciottenni che non stanno su fb. Riguardo a quelli di là: sono dei codardi, hanno dovuto bannarmi e giostrare con i commenti aggiungendo risposte che non avevano dato, inserendo commenti salaci col senno di poi, ecc. tutto nel maldestro e non riuscito tentativo di salvare il salvabile. E, forse, il compulsivo postare del branco di questi ultimi giorni (e che argomenti!!) ha proprio il fine di togliere il post “incriminato” dalla home.
    Vi saluto, passerò di qui ogni tanto per farmi qualche risata su quella “gente”. Anche se non commento, ci sono lo stesso.
    Saluti.
    Vice comandante dell’esercito reale, generale di fanteria, “primo soldato di Macedonia”, “mano del re”, “punta della falange” Parmenione. 🙂

    • 24/01/2013 10:15 pm

      Caro Parmenione, grazie per averci onorato della Sua visita, continui a seguirci, ci sarà da divertirsi: le nostre sarisse vengono affilate tutti i giorni con le capocce topstronziche, usate a guisa di coti, e del pari tutti i giorni generosamente infilate nel culo dei possessori delle capocce suddette. A presto.

  8. E' un caso umano permalink
    25/01/2013 9:13 am

    “il sig. Topo ha dovuto mestamente constatare che anche il campo in cui si sentì intenditore di prim’ordine per qualche giorno era solo l’ennesima dimostrazione della sua totale inconsistenza rispetto a Noi red. cac.;”

    Una prece.

    • Top Ganz permalink
      25/01/2013 10:48 am

      Professore? Ma chi? Lei!? Con quella faccia? Ma mi faccia il piacere! Professore … trànghete!!!

  9. Top Ganz permalink
    25/01/2013 11:22 am

    Sentite quel vecchio coglione, e sottolineo coglione, di Marcello Pococervello:
    “… sono un tiepido ammiratore di Totò e non avevo idea che trànghete facesse parte delle sue gags. Educare i fessi è cosa impossibile, ma qualche briciola per noi viandanti va a frutto.”
    Vero. Ad esempio lui, il viandante fesso Marcello, ha imparato “trànghete” e, come si dice a Roma, se l’è pure preso, incartato e portato a casa.
    Lui dice pure “tiepido ammiratore di Totò”, intendendo che a lui Totò non piace affatto. Bè, voi ragazzi penserete: e sti cazzi? Certo, certo, ma aprte questo, spiegatemi solo una cosina: perché, nell’apprendere quest’angolino dei gusti di Marcello, l’ultima sensazione che provo è la sorpresa?
    Ma il fatto è che ha ragione lui: educare i fessi è cosa impossibile. Ad esempio, chi mai si imbarcherebbe oggi nell’ìmproba avventura di convincere Marcello Pococervello del fatto, per noi oggettivo, che invece Totò è cosa semplicemente divina?

    • Top Ganz permalink
      25/01/2013 11:26 am

      P.S.
      Avrete di certo ben annotato la s di “gags”. Che volete, lui evidentemente è un intenditore di “gags” con la s. Un intenditore di “gags” con la s cui però non piace Totò. Come un intenditore di musica classica che detesti Mozart e Bach. Sì, una prece anche per lui.

  10. Top Ganz permalink
    25/01/2013 1:30 pm

    Uscita emblematica dei topstronzi.

    “Bersani: «Tutti zitti, che qui il più pulito ha la rogna»
    Veramente lui ha detto (rispondendo a Maroni su MPS) «Dico solo una parola: Credieuronord». Ma non è lo stesso?
    Allora, se anche il Compagno Bersani è qualunquista, perchè non possiamo esserlo noi?
    Son tutti uguali, credete, o Topi Gonzi. Salvo che, per essere obiettivi, il Monte dei Paschi ci costa di più di Credieuronord.”

    Bravi, bravi. Tutti uguali, tutti ladri, vero? Per la serie: poi vi lamentate se vi dicono che siete un branco di fascio-leghisti/qualunquisti. Invece fascio-leghisti/qualunquisti lo siete fino al midollo e da bravi fascio-leghisti/qualunquisti, ossia il fior fiore dei fessi, non ve la prendete con i protagonisti di certe pastette ma con chi delle pastette s’indigna.
    Perché “son tutti uguali”.
    Perché, ah, quanto vi sentite furbescamente intelligenti a pensare/dire che “son tutti uguali” (Ma come? Non esitevano i fessi, come noi, e i dritti, come voi? Tutti uguali, adesso?).
    Perché voi lo sapete bene come va il mondo, tsh, tre anni di militare a Cuneo, mica cazzi.
    Perché voi siete quelli che la sapete lunga e siete bravi a dar ad intendere che voi, certi siluri in culo, tsh, non li sentite neppure.
    Perché mica siete Pasquale, voi.

    Eh, Totò, Totò. Giusto i coglionazzi tipo Marcello Pococervello possono detestare Totò.

  11. Pardipalle permalink
    25/01/2013 1:34 pm

    La fede di Bersani.
    No, non la fede politica, ma l’anello al dito. Nei manifesti elettorali del PD la fede matrimoniale al dito del segretario è in posizione evidente. Chi non è completamente ingenuo sa benissimo che una foto in campagna elettorale è passata ad attentissimo scrutinio e tutto è studiato e voluto. La fede, dunque, non è lì per caso. Ora, personalmente ci fa molto piacere che il compagno Bersani sia sposato, e sposato in chiesa. Ma qui parliamo di un politico e quindi la vita personale non è rilevante; specialmente per uno che, per carità, non vuole personalismi nei partiti. E’ dunque un messaggio politico? Non ci pare proprio, visto che il programma del PD sulla famiglia va in direzione opposta. Dunque, cosa significa?
    PS Ovviamente noi lo sappiamo benissimo. Questo post è un’esca per il topo gonzo. Ma, ci raccomandiamo, non ditegli niente.

  12. Studente d'itagliano permalink
    25/01/2013 1:34 pm

    Se posso fare il precisino, dalla fede non è mica detto automaticamente che sia sposato in chiesa…

  13. Pardipalle permalink
    25/01/2013 1:35 pm

    Dunque, è noto che Bersani proviene da una famiglia cattolica (e democristiana), con tanto di fratello sacerdote. Per quanto ci ricordiamo, è sposato in chiesa.

  14. Top Ganz permalink
    25/01/2013 1:43 pm

    “Dunque è noto …”
    Ma se dunque è noto, Pardipalle caro, che minchia di bisogno avrebbe uno di venir a sapere che Bersani è sposato in chiesa? E soprattutto come cazzo si dovrebbe fare per ricavarlo da un cartellone che non dice assolutamente nulla in proposito?

    • Top Ganz permalink
      25/01/2013 1:52 pm

      P.S.
      A meno che il cartellone, più che per il sottoscritto, non sia un’esca per quei saputoni, come Pardipalle, che la sanno sempre più lunga del popolo fesso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: