Skip to content

A PERPETUA IGNOMINIA:

12/04/2013
by

 

blogdibarbara

11 aprile 2013 at 16:50

Volendo resterebbe un endecasillabo anche con spinolesi, che sono parenti stretti dei cerebrolesi…

 

Ogni commento sull’essere che ha scritto questo commento è superfluo:  diciamo solo che ci viene il vomito, pensando che questa cosa qui fino a poco tempo fa era un’insegnante.

Annunci
57 commenti leave one →
  1. Un commento permalink
    12/04/2013 3:03 pm

    semplicemente orrendo, come altrettanto orrendo è il titolo apparso in un blog nel quale si faceva una stupidissima battuta sull’atroce morte di un operaio avvenuta al binario 13 della stazione di Roma Tiburtina.

    • Merdoz permalink
      12/04/2013 4:57 pm

      La sua capacità di non capire è come l’universo: smisurata e in espansione

      • 12/04/2013 5:21 pm

        Smisurato e in espansione è solo il suo essere un pezzo di merda, ragione per la quale lei è stato ribattezzato qui “sig. merdoz”.

      • Oi dialogoi permalink
        14/04/2013 7:10 am

        Merdoz Il fatto che lei mi dia dello stronzo è positivo, perché ciò significa che lei ha tutti i dati per interpretare correttamente la frase della testata.
        Quindi, se continuerà a ritenere ignobile nella sua essenza tale frase, qualcuno potrebbe incominciare a domandarsi dell’esistenza di quale categoria di persone lei è la dimostrazione vivente.

        Buon fine settimana

        Erasmoz Non ti ha dato dello stronzo, ti ha definito pezzo di merda

        Merdoz Mi sfugge la differenza.

        Marcello47 morto che parla Mi si consenta una piccola dissertazione sulla terminologia.
        Come toscano d’antan e fiorentino in particolare il termine “pezzo di merda” era ed è normalmente normalmente usato nella mia terra in senso dispregiativo, mentre “stronzo” proviene da altri linguaggi ed è meno comune.
        Tuttavia spesso vi sono comunanze tra il toscano ed il laziale, quindi per capire meglio bisognerebbe accertare la provenienza del sig. reggicoda.

        A meno che non lo si voglia intendere in termine peggiorativo, per cui lo stronzo è un oggetto compiuto e pezzo di è solo una parte…

        Vado ad integrare Wikipedia…

  2. I cicisbei secondo il sior Erasmo permalink
    12/04/2013 5:00 pm

    Cinquant’anni dopo Pietro Germi, è un cicisbeo che torna a narrarci i fasti borghesi di Treviso. Un cicisbeo samurai: guardatelo qui, intento a fare harakiri.

    Sarà un cicisbeo, sior Erasmo, almeno lui ha il coraggio di metterci la faccia, mentre lei ha il culo al posto di questa. Ah già, dimenticavamo; lei deve tutelare il suo anonimato, altrimenti le farebbero un culo grande quanto una casa.

    • 12/04/2013 5:35 pm

      Quello glielo fanno già sotto i ponti di Mestre i senegalesi che il sig. erasmo fa mostra di disprezzare.

    • Top Ganz permalink
      12/04/2013 7:34 pm

      E poi “Signore e Signori” non ha più di 47 anni. Ma si sa, per Erasmuccio – che ogni tanto ama atteggiarsi come il conoscitore di cinema che non è (di ciò ci ha dato ripetute prove, il buon uomo) gli anni avanzano. In tutti i sensi.

      • E' notorio permalink
        12/04/2013 7:46 pm

        che tra il cinema e il Sior Erasmo non c’è feeling.

      • La risposta del sior Erasmo permalink
        13/04/2013 8:39 am

        Premessa: sono stati fatti alcuni commenti sulle competenze cinematografiche del sior Erasmo, abbiamo scoperto che il sior Erasmo, grande esteta artistico-musicale, ha mediocri competenze per quanto riguarda il cinema. Non si capisce per quale misterioso motivo, simile affermazione è stata interpretata dallo stesso sior Erasmo come un’onta personale. Leggiamo la puntuale e raffinata risposta del sior Erasmo, tipico esempio di logica sbandante: ” Non badi al sig.Topo che la vuole lusingare, sig.Train. Fra i 47 e i 50 anni non c’è grande differenza, e tre anni passano in fretta. Si dia da fare, sig.Train. Qui trova le lezioni di acchiappo, che possono essere utili. Ma la cosa veramente importante è smettere con le seghe. Non tanto perché siano degradanti (nessuno qui, lei lo sa, le fa la morale) ma perché, di sega in sega, lei procrastina all’infinito il giorno della sua maturità sessuale.
        Rompa il salvadanaio, sig.Train, e vada con quella nigeriana là, nella periferia di Olbia. Le insegna lei.

        Sior Erasmo, non c’interessa sapere se lei è favorevole alla prostituzione per fini “didattici”, o se per lei le nigeriane sono tutte prostitute [non se la prenda a male, se poi la giudichiamo per il suo spirito razzista].
        A noi fa ridere la sua reazione scomposta su alcune nostre affermazioni secondo le quali, lei di cinema non ne capisce una mazza. Quello che diceva Thorgen di lei sul blog di una sua comare, è vero: lei non risponde mai a tono, utilizza come arma l’offesa personale perché, nella sua mente malata, pensa di poter prevalere sugli altri tramite questi miseri artifici. Non si rende conto che rispondendo in modo così rozzo, dimostra a tutti di essere effettivamente quello che è: un arrogante pezzo di merda che fa una vita di merda. Chi è causa del suo mal…. sior Erasmo, pardon, Merdasmo.

      • jazztrain1 permalink
        13/04/2013 9:14 am

        “Ma la cosa veramente importante è smettere con le seghe. Non tanto perché siano degradanti (nessuno qui, lei lo sa, le fa la morale) ma perché, di sega in sega, lei procrastina all’infinito il giorno della sua maturità sessuale.”
        Non so per quale misterioso motivo, costui si è convinto che nella mia vita non abbia mai avuto “intimità” con il gentilsesso. Dico solo uno cosa e poi non ne voglio più parlare: la maturità sessuale l’ho raggiunta quando avevo venti anni, forse colui che si fa chiamare Erasmo, l’avrà raggiunta qualche decennio dopo, non lo sappiamo né m’interessa saperlo. Per mia precisa scelta, non voglio parlare della mia vita privata e qualsiasi illazione, offesa, o peggio ancora squallida malignità è il frutto dell’elucubrazione di un paio di personaggi d’infimo livello che proiettano su di me tutte le loro frustrazioni sessuali e comportamentali.

        Addendum: c’è un motivo per cui non parlo della mia privacy, visto che esistono nullafacenti che ficcano il naso nella vita degli altri. Non voglio mettere in mezzo persone che non c’entrano e che non devono essere oggetto di attacco personale.

      • Erasmo permalink
        13/04/2013 9:34 am

        Non va bene la nigeriana, sig.Train? De gustibus. Siamo certi che anche dalle sue parti ci sia ampia scelta di nazionalità

      • Quesito permalink
        13/04/2013 9:36 am

        Scusi sior Merdasmo, pardon Erasmo, lei sceglie le donne utilizzando come criterio la nazionalità e il tariffario?

      • Erasmo permalink
        13/04/2013 10:22 am

        Abbia pazienza, sig.Train. Qui si sta parlando di donne per LEI.

      • Matana permalink
        13/04/2013 10:27 am

        E’ stato forse chiesto da qualcuno, sior Erasmo, oppure è una sua paranoica fissazione? A noi risulta che jazztrain non le abbia mai fatta alcuna richiesta, pertanto vada a farsi f…riggere invece di annoiare il prossimo.

      • Le scemenze dei topgonzi permalink
        13/04/2013 1:15 pm

        Guardi comunque che sarebbe tara su tara, pur spiegando in parte la penuria che la opprime: se la prima se l’è sparata a 20 anni, si potrebbe congetturare che sui 28-30 anni si sia liberato dal pulzellaggio. Ma se ricordiamo quanto è racchio e sfigato, ignorante e abbelinato, e in aggiunta avaro, Lei ha un bel alludere: da questo commento arguiamo che è ancora pulzello. Perché vergognarsene? La castità è una virtù, comunque raggiunta.

        Avete le prove di quello che dite? Se non le avete, vuol dire che siete bugiardi e che vi siete inventati tutto solo per dire cattiverie gratuite contro un tizio che vi sta antipatico. Sino a prova contraria, quello che dice l’interessato è vero, mentre quello che scrivete voi su di lui è palesemente falso. Vi ricordiamo che la diffamazione a mezzo stampa è reato.

      • E poi.. permalink
        13/04/2013 1:50 pm

        questo coglione di red. caz. si stupisce perché nessuno lo reputa simpatico e perché nei blog seri gli cancellano i suoi ipocriti auguri.

  3. Top Ganz permalink
    12/04/2013 7:39 pm

    Ehi, ragazzi, lasciamo un po’ stare i miserabili (nel senso che Paolini ha ben chiarito l’altra sera su La7) tropstronzi.
    Avete letto e/o sentito? Parturiuntur colles et nascitur ridiculus mus. Per me, un primo passo avanti l’Italia lo farà – nel giro di poche settimane, fortunatamente – liberandosi di Napolitan de’ Carrarmati-a-Budapest. Seppure, … come si dice? Il peggio non è mai morto.

  4. 12/04/2013 9:23 pm

    Tra parentesi: registriamo – come del resto il sig. merdoz si aspetta che facciamo – il ripristino del vecchio header razzista nel blog del suddetto pezzo di merda: vista la soddisfazione che da tal genere di operazioni trae il sig. merdoz, egli non avrebbe niente in contrario se inviassimo copia dello screenshot di detto header a tutti i più importanti siti internet di associazioni degli omosessuali, ebraiche, africane e dei neri in genere.

    • Top Ganz permalink
      13/04/2013 12:46 pm

      Che vuoi, Thor? Gli è che noi non siamo in grado di cogliere la sua sconfinata ironia e soprattutto l’incommensurabile sua auto-ironia.

  5. 12/04/2013 11:51 pm

    12 aprile 2013 a 9:45 PM

    marcoz

    Mi pare un’idea interessante, se l’intenzione è confermare, casomai ce ne fosse bisogno, che in ogni categoria o gruppo di persone dato (premi nobel compresi) c’è sempre una percentuale di stupidi.

    Purtroppo per l’umanità tale percentuale sale vertiginosamente nella categoria dei pezzi di merda: il sig. merdoz ne è la dimostrazione vivente.

  6. L' umorismo involontario di Pardipal permalink
    13/04/2013 8:13 am

    Dobbiamo dire che queste manifestazioni pubbliche ci lasciano in bocca un sapore novecentesco, anzi, forse anche ottocentesco….

    E perché non settecentesco, o magari secentesco, così tanto per mettere un secolo a caso.

  7. 13/04/2013 2:25 pm

    Gentile sig. merdasmo, visto che è tanto preoccupato per Jazztrain, perché non gli porta a casa Sua sorella o Sua zia? Siamo sicuri che lei gli farà applicare una tariffa equa.

    PS: no, Sua mamma – se è ancora vivente – no, per favore: c’è un limite anche negli affari.

    • Erasmo. permalink
      13/04/2013 5:57 pm

      No, ex collega. Così ce lo spaventa, e non si avvicinerà mai a una ragazza.
      Tranquillo, sig.Train: le professioniste serie non cambiano tariffa a seconda del cliente

      • Mentana permalink
        13/04/2013 6:01 pm

        Le crediamo in parola Sior Erasmo, non c’interessa un tubo di tariffario o cose del genere, noi a differenza di lei non frequentiamo né prostitute, né papponi. Lo vuol capire una volta per tutte, o è di coccio, come dicono a Roma? Visto che insiste e che non capisce una mazza e che è convinto delle stronzate che scrive, abbiamo deciso di accontentarla pur di zittirla: ci basta sua sorella o al massimo sua cugina di primo grado perché sua zia è troppo vecchia per i nostri gusti. Però, dopo aver scopato sua sorella o sua cugina, la deve smettere per sempre di scassare i maroni con le sue paranoiche fissazioni.

  8. L'ipocrisia dei topgonzi permalink
    13/04/2013 6:39 pm

    Non siamo maschilisti

    Si, come no. Io invece sono Papa.

  9. 13/04/2013 7:19 pm

    Siamo curiosi di vedere che ciospa immonda avrà il coraggio di presentarci. Sappiamo della sua avarizia: in caso contrario, per 200-250 euri una appena scopabile che dichiari il falso potrebbe anche trovarla.

    Eh, si vede che l’autore di sto’ commento se ne intende di ciospe appena scopabili!

    • Detto da un genovese permalink
      13/04/2013 8:55 pm

      Sappiamo della sua avarizia

      E’ il massimo.

      • Cip e Ciosp permalink
        13/04/2013 8:57 pm

        Per red. caz. anche le ciospe sono scopabili. Ne ha di stomaco….

      • Erasmo permalink
        14/04/2013 9:25 am

        Ecco qua, sig.Train. La soluzione al Suo problema la fornisce l’autorevole Dott.Malvone: Col passare degli anni, la vita della puttana si fa sempre più dura: tette sempre più vizze, natiche sempre più cadenti, guadagnarsi da vivere comporta sacrifici sempre più avvilenti, mentre la dignità scivola lentamente, ma inesorabilmente, lungo prove sempre più degradanti, e il trucco si fa sempre più pesante, fino a diventare una maschera grottesca.
        (…) Si vende o mendica? Difficile capirlo, probabilmente si tratta di entrambe le cose: è venuta a svendersi per sempre meno e ora si offre per quasi niente.

        Per quasi niente: ci pare di vedere i Suoi occhi brillare, sig.Train.

      • Scusi permalink
        14/04/2013 9:42 am

        Scusi, sior Erasmo, cosa ha bevuto o cosa ha fumato ieri sera?

      • Top Ganz permalink
        14/04/2013 12:04 pm

        Niente. Sono tutte pulsioni dal sen fuggite. Il Gattapelata non ha bisogno di bere per darsi alla più patetica autobiografia (sì, esatto, Pierspicuo, ti roderà di nuovo il culo a sentirtelo dire, ma trattasi sempre della tua solita sindrome proiettiva: che ne hai fatto, delle pasticche, stavolta?).

  10. Top Ganz permalink
    14/04/2013 10:57 am

    Erasmo nei panni di “Topo Gonzo”, 13 aprile 2013 at 11:49
    Me ne fregio io di De Gaulle. Il mio De Gaulle si chiama Prodi. E se non sarà Prodi, che sia almeno una vera donna come Emma Bonino in subordine Rosy Bindi.

    Pessimismo&Fastidio, 13 aprile 2013 at 12:37
    Ma come? E Di Pietro? Che fine avrebbe fatto il caro leader Di Pietro?
    P.S. Sette anni di Prodi sul Colle vi fanno tremare le frattaglie tutte, eh? Come stessero al vento, dal culo al gargarozzo. Ci spero pochissimo, ma Il cielo lo volesse davvero. Non v’illudete, però: non è un cavacecio (espressione colorita e ruspante che presferisco di gran lunga a “endorsement”, oggi puntualmente sulla bocca e sulla penna dei cretini di turno). Lo sapete bene che potete solo sognarvelo che io mi abbassi a parlare di polititica con voi. Me lo auguro, piuttosto, solo per una cosa, non per altro: per poi mettermi lì, prendendomi magari anche una vacanza, a rigustarmi le vostre reazioni e i vostri spasmotici contorcimenti. Sì, insomma: per vedere l’effetto che fa.
    Risposta

    Erasmo negli stracci della “redazione”, 13 aprile 2013 at 20:45
    Siamo felici, sig.Topo, per due motivi:
    1. lei ci ha parlato del suo idolo, il sig.DiPietro
    2. lei ha finalmente capito cosa significa “endorsement”. L’ulltima volta si era fermato alla traduzione “girata di un assegno”.

    *****************************

    Replica del sottoscritto.

    1) Io ho solo nominato Di Pietro, non ne ho affatto “parlato”, tanto meno potrei mai farlo con voi.

    2) Bè, questa non è davvero una bella mossa: rimproverare inopinatamente a qualcuno di faticare a capire cosa possa significare una parola così semplice come “endorsement”(praticamente è italiano elementare) può essere spiegato solo con la familiarità dell’accusatore con la difficoltà a comprendere anche le parole e i concetti più elementari, specie quando sappiano anche solo minimamente di straniero. Il quale accusatore – convinto, da brava nullità, che il massimo del culturalmente fico sia conoscere ed usare le parole straniere di moda – deve anche aver alquanto indagato (leggasi googlato, magari) per scoprire incidentalmente che il termine “endorsement” all’estero vale anche ad indicare la “girata” di un assegno. A Roma, quando qualcuno come lui viene “beccato”, “pizzicato” o “preso in castagna”, si usa anche dire – mutuando dall’antico gioco di nascondarella o nascondino – “tana!”.

    Top Ganz

    P.S.1. Sempre e comunque compiaciuto e orgoglioso di rendervi felice. Chè il saper rendere felice e far sorridere qualcuno resta pur sempre il talento più raro.

    P.S.2. Erasmo, Erasmuccio …: tana! O, se preferisci, levate que mutanne d’a faccia.

    • Top Ganz permalink
      14/04/2013 11:03 am

      Susate, avevo copincollato il suo commento senza accorgermi del refuso: Pessimismo&Fastidio voleva scrivere “spasmodici”, non “spasmotici”. Strano che Erasmo non abbia colto quest’occasione di far vedere quanto è bravo in italiano, lui.

      • Top Ganz permalink
        14/04/2013 12:49 pm

        Per dimostrare tutta la sua iperbolica imbecillità, il come non mai Perspicuo va a tirar fuori un post nientemeno che del 2006. E il bello è che trattasi di una cosa che dimostra esattamente il contrario di ciò che lui intenderebbe. Sentite, sentite qui cosa replica l’imbecillotto e, per favore, andate a leggere il thread linkato dal Gattapelata per avere anche solo una pallida idea della sua ottusità.

        [“Tana”, eh, sig.Topo?
        Lei dimentica il nostro sterminato archivio, e, come al solito, se lo prende sui denti. E’ esattamente lei, qui, che si comporta come l’ipotetico ignorantello fico che lei magistralmente descrive. Guardi qua:
        #2 commento di la redazione – lasciato il 15/6/2006 alle 12:38
        Grazie per il pronto endorsement, sig. Topogonzo
        # 3 commento di Top Ganz – lasciato il 15/6/2006 alle 12:48
        Mi spiace, Beruschi, ma io non ho girato proprio nulla: ho posto un quesito, mi sembra chiaro, che attende gentile risposta. E su cartapaglia, un genere di supporto sin troppo prezioso per il vostro livello.
        topganz.ilcannocchiale.it/
        # 4 commento di la redazione – lasciato il 15/6/2006 alle 13:25
        Trop gonz per esser ver.
        Ti consigliamo di cambiare vocabolario, topogonzo.
        La solita figura di M, eh sig.Topo? Ma magari Lei può anche fare di peggio, arrampicandosi ancora sugli specchi. Prego, faccia pure. Noi e i nostri lettori siamo tutti seduti in prima fila.
        P.S. Chi volesse leggere anche il divertente post, e non solo i commenti, vada qui. Ricordate, mentre lo leggete, che l’intervista ha avuto l’endorsement di Topo Gonzo.]

        E tutto questo (compreso il preteso mio endorsement) perché avevo replicato: embè? Ma se è solo per questo ora devo replicarle: ari-embè?????
        Erasmuccio caro, allora le scrissi di “non aver girato proprio nulla” nel senso evidente come ilsole di “non aver avallato proprio nulla” col mio “embè?”, ma semmai di “aver posto un quesito che attende ancora gentile risposta” ancora oggi, giacché allora non lei capì ed è così stupido da non capire nemmeno ora, facendo lievitare all’inverosimile la sua grezza figura.
        Ripeto allora, un po’ come a suggerimento un ennesimo: embè???????
        Perché è ormai evidente che lei dev’essere molto, ma molto più tardo di quanto non l’abbia mai fatta. Sig. Gattapelata caro, tutta quella fatica per mettere e tener su il suo famoso archivio e usarlo poi per raddoppiare, triplicare e quadruplicare le sue figure barbine? Mi dia retta, lo lasci stare, anzi, ne faccia un bel falò, che per lei è meglio assai.

  11. 14/04/2013 11:53 pm

    sig. merdasmo

    14 aprile 2013 at 07:09

    Ecco qua, sig.Train. La soluzione al Suo problema la fornisce l’autorevole Dott.Malvone: Col passare degli anni, la vita della puttana si fa sempre più dura: tette sempre più vizze, natiche sempre più cadenti, guadagnarsi da vivere comporta sacrifici sempre più avvilenti, mentre la dignità scivola lentamente, ma inesorabilmente, lungo prove sempre più degradanti, e il trucco si fa sempre più pesante, fino a diventare una maschera grottesca.

    Ne sa qualcosa il sig. merdasmo, che da anni dà via il culo sotto i ponti di Mestre per un tozzo di pane, poveraccio. La dignità però non l’ha mai avuta, nemmeno da giovane.

    • E' notorio che permalink
      15/04/2013 7:06 am

      il sior Erasmo ammiri Malvino, non a caso sia lui che il suo degno compare di merende l’hanno preso a modello; chi legge intuisce che costoro vorrebbero copiare l’inimitabile stile. I risultati sono penosi, perché non hanno le qualità del blogger campano, e si sa, gli epigoni non sono mai all’altezza dell’originale: Malvino è brillante, loro sono noiosi; Malvino argomenta, loro copiano incollano e manipolano; Malvino ha capacità critiche ed autocritiche, dote che molti blogger non hanno, loro invece non fanno altro che incensarsi per ogni scorreggia o rutto che emanano in quella chiavica che chiamano blog; Malvino è sintetico ed efficace e loro scrivono pipponi di contenuto moralistico, e così via, si potrebbe continuare all’infinito.
      .

      Addendum: una qualità indiscussa di Malvino è quella di avere il coraggio di firmarsi per nome e cognome; il sior Erasmo, invece, preferirebbe prenderla in quel posto piuttosto che rivelare pubblicamente la sua vera identità. Solo per questo motivo Malvino è credibile ai lettori, mentre il sior Erasmo ed i suoi compari di merende non lo saranno mai

  12. Erasmo permalink
    15/04/2013 11:04 am

    lei torna ancora sul “coraggio di firmarsi con nome e cognome”. Si tratta di un nuovo, palese e feroce attacco non solo a Topo Gonzo, ma anche al Suo Reggicoda. Ma possibile che Lei debba sempre litigare con tutti, sig.Train?

    • Ahi, Ahi, Ahi Sior Erasmo permalink
      15/04/2013 11:14 am

      Sior Erasmo, che discorsi fa, si nasconde dietro un dito? Top Ganz e Thorgen non hanno la sua stessa smodata ambizione, mentre lei, grazie al suo ego smisurato, tiene moltissimo ad apparire per un brillante opinionista e per un politologo di alto spessore. Non solo, la lusinga avere una corte di miracoli al suo seguito che penda dalle sue labbra, magari sperando di pubblicare i suoi noiosissimi pipponi presso qualche rivista e apparire come un fustigatore di costumi, mentre in realtà non è affatto quello che lei vorrebbe essere perché è solo un povero pirla che non ha il coraggio delle proprie azioni; non a caso la consideriamo vile. Lei è l’incarnazione di Don Abbondio ed è anche un trombone sfiatato.

      • Top Ganz permalink
        15/04/2013 7:12 pm

        In effetti è da anni che il Perspicuo cerca di accreditarsi qua e là: presso il Riformista, presso i giornalucoli on line di Fesso Nardi in cui il suo amico si atteggia a sticazzi e cerca pateticamente di imitare gli inarrivabili Spinoza, presso le pubblicazioni sioniste che gli indica M.me Barbarà, ecc., ecc.. All’uopo egli s’avvale di sussiegosi pseudonimi, degni – lui ritiene – della tribuna da “o’ pingon leader” cui agogna.
        Per noi che avemmo più volte il buon agio di soppesarlo come si deve [e di trovarlo scarso (*)] è piuttosto agevole intuire che Il suo sogno nel cassetto rimane il Foglio di Ferrara, il suo faro.

        (*) “Sei stato pesato sulle bilance e sei stato trovato scarso” Daniele, VI, 27.

      • Erasmo permalink
        15/04/2013 8:04 pm

        “o’ pingon leader”, eh Topo? E che vuol dire? E’ forse uno che ottiene un endorsement? Cioè una girata? Cioè un avallo?

        Ci dica, ci dica.

      • Top Ganz permalink
        15/04/2013 8:30 pm

        Guardi, va bene che il suo cervello è tardo come un tricheco, ma quel che lei ha di recente e solo in parte intuito sul termine “endorsement”, io nel 2006 e ancora molto prima già lo sapevo benissimo, Sapevo cioè che fare un endorsement significa avallare, confermare, sostenere, sottoscrivere, girare (un assegno o una cambiale), ecc.. Persino il suo famoso archivio del piffero sta lì a testimoniarlo. Come è altrettanto lampante che è lei a mantenere ancora oggi problemi di comprensione del termine: davvero non se ne rende conto? Ma sì, ma sì, che l’ha capito. Suvvia, dunque, lei non ignora certo che materia del genere più la si rimesta e più pute. Ci dia un taglio, se non vuol apparire come M.me o Pardipalle, poveretti, che intervengono con battutine penose, credendole spiritose invece che rivelatrici del loro aver capito men che meno la questione, cioè di non averci davvero capito un cazzo di un cazzo.

        Quanto ad “o’ pingon leader”, credo che lei abbia ben compreso anche questo termine, ma, se mi sbagliassi, le consiglio di rivolgersi al buon Teddy sul tema, o all’altro suo amico Fesso Nardi.

      • Il narcisismo del sior Erasmo permalink
        16/04/2013 6:14 am

        Molti non sanno che il perspicuo era solito spedire lettere ai quotidiani. Abbiamo trovato una chicca che risale al 2001, una lettera inviata nientepocodimenoche a Corrado Augias, quando era solito firmarsi con lo pseudonimo che tutti noi abbiamo conosciuto. Oggetto: le feci dei cani: “Caro Augias, tempo fa una sua lettrice lamentava una diffusa intolleranza verso i cani. A quanto pare i cani non sono ammessi in musei e castelli: niente Pinacoteca di Brera, niente Uffizi. Castel Sant’ Angelo? Fido lo può ammirare solo dall’ esterno. Ancor più duro il trattamento nei camping: difficile essere ammessi, e, se ammesso, il cane non può deporre i bisogni all’ interno. Colpito dal grido di dolore, azzardo una spiegazione: colpevoli non sono i direttori dei musei e i gestori dei camping ma i proprietari di cani, i più maleducati d’ Europa. Diffusa la loro convinzione che degradante sia usare la paletta, non sporcare i marciapiedi. MBeruschi Milano beruschim@yahoo.com

        Un argomento che sta particolarmente a cuore al perspicuo; infatti, una volta ebbe un battibecco con dei padroni di cani, come scrisse tempo fa nel suo deserto blog: .I cani erano piccoli, probabilmente cuccioli. Un uomo e una donna li tenevano a guinzaglio, uno per uno. Il cane al guinzaglio dell’uomo si è fermato all’angolo fra Via Solferino e Via Ancona. Supervisionato dal padrone, ha deposto sul marciapiede una quantità rimarchevole di feci scure, informi, frutto di evidenti disturbi intestinali. Il padrone e la sodale hanno commentato l’evento, poi hanno proseguito con i cani.
        Alle mie rimostranze, i due cinofili, oltre che con moti minacciosi, hanno risposto esponendo a voce alta i seguenti concetti.
        L’uomo:
        1. Ma cosa gliene importa a lei.
        2. Ma lei è il proprietario di Milano?*
        3. Ci sono cose ben più gravi
        4. Chissà lei cosa combina, altro che cagare per terra.
        La donna:
        1. Se fosse stato un albanese, col cavolo che lei gli diceva qualcosa.

        * Povero Perspicuo, l’hanno sgamato immediatamente.

        E’ stato fortunato se non l’hanno picchiato, probabilmente quegli arroganti padroni dei cani avranno pensato che non valeva la pena di sporcarsi le mani con questo tizio.

        Addendum: vogliamo spezzare, una tantum, una lancia in sua favore: nessuno mette in dubbio che l’arrogante comportamento dei cinofili sia da condannare, bene ha fatto Erasmo a raccontare questo triste episodio. C’è da dire che nemmeno lui ne esce bene: se fosse stato un po’ più coraggioso avrebbe dovuto comportarsi di conseguenza; chiamare una guardia ed imporre il rispetto del regolamento municipale. Le sue lamentele sono prive di senso: è illogico rimproverare la mancanza di senso civico agli altri se a lui stesso manca il coraggio di agire per tutelare un suo sacrosanto diritto. La coerenza è una virtù che manca del tutto al sior Erasmo; se ci fate caso, pur avendo ragione, riesce sempre a mettersi dalla parte del torto.

    • 15/04/2013 11:28 pm

      Caro sig. merdasmo, so che questo la farà godere come un riccio, in mancanza della normale attività di fottimento di donne, della quale lei ormai difetta da decenni:

      1)Tanto per cominciare, qui chi ha notoriamente l’abitudine di reggere la coda altrui è lei, che notoriamente è anche un reggipalle: del sig. caz. e degli altri coglioni suoi pari.

      2) “Reggicoda” lo dice alla sua cara mammina, a sua sorella e a sua figlia, e in mancanza, a sua zia.

      Regards

      • Top Ganz permalink
        16/04/2013 10:21 am

        “… che notoriamente è anche un Reggiscroto …” avevamo detto. Merdasmo Reggiscroto, prego.

  13. Erasmo permalink
    15/04/2013 10:52 pm

    Eccolo!!! Ero certo che, a insistere, l’avremmo indotto a dimenticare da che punto era partito.
    Era partito negando di avere interpretato “endorsement” come girata di un assegno. A furia di insistere, l’abbiamo messo in confusione, ed eccolo qui, a beccare il pastone.
    Grazie, Topo. Torna nel pollaio, adesso, che ti consola il Gallo Alfredo. Consolati, però, pensando che il sig.Train si contraddice nella stessa frase.

    • Al sior Erasmo piace barare permalink
      15/04/2013 11:11 pm

      A furia di insistere, l’abbiamo messo in confusione, ed eccolo qui, a beccare il pastone.

      Vincere imbrogliando, come lei ha testé ammesso, non significa vincere con onore, sior Erasmo, significa vincere in maniera truffaldina. La credibilità si costruisce comportandosi lealmente, non comportandosi da mascalzone come fa lei.

  14. La riscossa del sior Erasmo permalink
    16/04/2013 8:13 am

    Lasciamo pur predere (sic!) che lei non sa* l’inglese [cfr. Top Ganz], ma soprattutto non sa ammettere gli errori.
    * Qui ci vorrebbe il congiuntivo, sior Erasmo.

    Nemmeno lei, sior Erasmo ammette i suoi errori, lei non ha forse votato alla Camera per Oscar Giannino che ha malapena preso l’1%?

    A proposito, Sior Erasmo, che fine ha fatto Oscar Giannino?

    • Top Ganz permalink
      16/04/2013 10:26 am

      Inglese? “Endorsement” – cui, ripeto, preferisco di gran lunga il nostranissimo “cavacecio” – è inglese come “pâté de foie gras”. Ma per lui, Perspicuo Reggiscroto, riconoscere per bene le parole straniere o straniere di uso comune è impresa ardua. Per lui, dal latino al mongolo, passando per il greco e l’yiddish, è tutto inglese.

    • Top Ganz permalink
      16/04/2013 10:53 am

      Quanto a Giannino, il Gattapelata tappezzò il cesso topgonzico (e non solo) di “endorsement” per Giannino e di caldi inviti a votarlo. Poi di Giannino si seppe la miseria che si seppe. E ora non sarebbe mica lui a dover andarsene a nascondere in fondo a una miniera di salgemma, 2 km sotto terra, o almeno fare umilissima ammenda. No, manco per idea. Secondo il suo singolare uso della logica, piuttosto, sarei io a dover dare ragione della capitolazione di Di Pietro e a fornire notizie su che fine abbia mai fatto, senza che neanche lui (intendo il Reggiscroto, tre volte campione mondiale di mistificazione) sia riuscito a trovare un solo straccetto d’indizio di analogo mio comportamento nei riguardi dell’ex PM. Il quale, per altro, ha sì fatto una povera figura, ma una figura che vale pur sempre sì e no un centesimo della figura di merda del dandy del cazzo, tanto amato da Perspicuo (quanto poco corrisposto!).
      Ma che volete, a lui, per sostenere le sue teorie (il dottore ha detto di non contraddirlo troppo e di mantenere un atteggiamento esteriore di rispetto nei confronti delle sue farneticazioni), basta anche il nulla, il vuoto pneumatico e persino l’antimateria. Paziena, ci vuole, e anche tanta, tanta misericordia.

      • Ok, permalink
        16/04/2013 2:31 pm

        Il sig.Topo semplicemente non concepisce che si possa non essere faziosi, e tifare per il Paese anzichè per una consorteria o uno stregone (o contro uno stregone).

        Sior Erasmo, invece di arrampicarsi sugli specchi, ci può spiegare che fine ha fatto Oscar Giannino?

  15. Il verbo di Pardipal permalink
    16/04/2013 3:02 pm

    Le facciamo anche presente che la figuraccia di Giannino fu qui linkata e commentata due secondi dopo la pubblicazione sui giornali, senza nessun imbarazzo da parte nostra.

    Chi se ne frega di quello che fate voi e dei vostri ridicoli link, vogliamo sapere se avete votato Giannino, oppure no. Chiaro che l’avete linkato, temevate di essere sfottuti da tutta la blogosfera, dopo aver pubblicamente dichiarato che votare Oscar Giannino era “un’ottima scelta”.
    .

    • Top Ganz permalink
      16/04/2013 6:26 pm

      Porelli.
      Loro – basta affacciarsi nella loro cloaca – ci sperano sempre, e in questo ci fanno quasi stringere il cuore. Ma non c’è proprio niente da fare: noi di poltica, come di qualunque altra cosa seria, con loro non possiamo neanche vagamente immaginare di discutere. Noi qui si fa altro, li si randella a pubblica terapeutica ammonizione: se noi rispondessimo nel merito delle baggianate che scrivono equivarremmo al boia che discute col condannato circa le ragioni del suo crimine (tra l’altro: a che pro?).

    • Top Ganz permalink
      16/04/2013 6:50 pm

      Dice il povero Pardipal: “Le facciamo anche presente che la figuraccia di Giannino fu qui linkata e commentata due secondi dopo la pubblicazione sui giornali, senza nessun imbarazzo da parte nostra.”.
      E non capisce, il Franti degli imbecilli, che la faccia come il culo non vale discarico, ma semmai aggravante. Giù, nella miniera di salgemma, 3 km sotto terra, dovevate andarvi a nascondere. Vi dovreste vergognare per il resto dei vostri giorni del pessimo uso che fate della parola e della scrittura, immeritati doni della Provvidenza. Altro che avere l’impudenza di “commentare”, altro che non provare in ciò “nessun imbarazzo”.
      O forse mi sbaglio. Forse Pardipalle intende dire che per lui, ormai, con la fama di babbeo di quartiere che negli anni egli ha faticosamente costruito intorno a sé e per sé, nessuna sua malparata, per quanto ridicola e/o infamante sia, può ormai recargli “imbarazzo” alcuno. Per lui, insomma, non c’è più da un pezzo l’esigenza, come s’usa dire, di non farsi riconoscere.

      • 16/04/2013 8:43 pm

        La faccia come il culo non vale discarico, ma certamente come discarica, tutta e solo loro.

      • Top Ganz permalink
        17/04/2013 9:53 am

        Naturalmente. Pensa però un attimo solo alla tua orripilante immagine: una discarica, ma non una discarica così, la discarica loro, dei tropstronzi, fatta dei rifiuti dei tropstronzi. Brrrr… Cosa si può provare a immaginare di peggio?

  16. La privacy del sior Erasmo permalink
    16/04/2013 8:04 pm

    Che per sua colpa la privacy non ce l’abbiamo più [Rodotà n.d.r.]

    Sior Erasmo, lei crede davvero alle favole sulla privacy? Noi sappiamo tutto di lei e abbiamo sicofanti di prima qualità.

  17. Le balle di Pardipal permalink
    16/04/2013 8:11 pm

    Noi non abbiamo votato. Fare era un’ottima scelta sia prima che dopo la figuraccia di Giannino, inutile perché dispersiva sia prima che dopo.

    Pardipal, queste balle le racconti a sua sorella, forse lei ci crede.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: