Skip to content

Classifica dello

17/04/2013
by

schifo, in ordine decrescente di schifezza:

sig. merdoz, sig. merdasmo, sig.ra barbara e sig. caz. ex aequo, studente d’itagliano, sig. parsifal, sig. teddy, sig. ittoogami, sig. peppino profeta, sig. rasko.

Annunci
17 commenti leave one →
  1. L'elenco non è completo permalink
    17/04/2013 12:25 am

    Mancano fior di campioni quali Myollnir, Paoletta, Scintilla, Frine, GiovanniFrancescoSagredodistacippa. Questi viscidi personaggi fanno schifo tanto quanto se non più di merdasmo, caz.one e barbara.

    • 17/04/2013 7:04 am

      Buondì Thorgen, su Rasko non mi pronuncio e ti spiego perché: lo conosco personalmente, so che è un bravo ragazzo ed è un giocatore di talento, figurati che qualche anno riuscì a battere grazie al suo stile alla Viktor Korchnoj, un forte Maestro romano in un torneo disputato qualche estate fa a Montecatini. Lo dico perché sono consapevole del fatto che è un giocatore dotato e che ha le qualità per diventare Maestro.
      Gli sono grato, perché tempo fa ha pubblicato di sua iniziativa sul sito di Soloscacchi una partita che disputammo qualche anno fa in un torneo ufficiale nella quale sono riuscito a sconfiggerlo dopo una dura lotta, grazie ad una pregevole combinazione.http://soloscacchi.altervista.org/?p=4392 (P.S. ci sono i nostri nomi di battesimo, non abbiamo nulla da nascondere a differenza di qualche pavido personaggio ossessionato in modo maniacale dalla privacy). La cosa divertente è che questa mia vittoria, apparsa in un prestigioso sito di scacchi, stranamente non fu riportata nel blog fondato dai due soliti idioti. Chissà per quale misterioso motivo, costoro che pubblicano qualunque cosa che mi riguardi, stranamente non ne hanno fatto menzione. Certo, a pensar male si fa peccato, forse la notizia ha procurato a costoro un forte travaso di bile.

      Sui commenti che lascia in quella latrina non esprimo giudizio, ne abbiamo parlato in privato e non ne voglio parlare in pubblico, inutile dire che non condivido quella che fa. .
      Per il resto, non ho mai avuto, si fa per dire il piacere di conoscere alcuni componenti di questa patetica corte dei miracoli. Costoro, per la loro aggressività, mi ricordano tanto dei piccoli kapò addestrati dagli idioti di fognolandia. Sembra che questi coatti malati di cyber-bullismo, siano dei cani sciolti in cerca di padrone e non è improbabile che credono di ottenere credito dai titolari se scrivono contro di me i peggiori insulti o le peggiori offese personale che a costoro vengono in mente. Non li considero affatto, dico solo che mi fanno pena . Far parte di un branco per sentirsi qualcuno è semplicemente patetico, se non squallido.

  2. Da quale pulpito viene la predica permalink
    17/04/2013 10:49 am

    Il sig.Rasko mi ha valentemente arbitrato, evitando che il sig.Train postesse permettersi facili mezzucci durante la nostra disfida a scacchi.

    Sior Erasmo, che scemenze dice, l’arbitro deve tutelare entrambi i giocatori e deve intervenire se ci sono scorrettezze. Tra l’altro il suo argomento non ha senso, perché Jazztrain ha vinto una partita ufficiale giocando una bella partita contro un giocatore nettamente più forte di lui e giustamente ne è orgoglioso, perché ha vinto lealmente, non ha vinto barando.

  3. Top Ganz permalink
    17/04/2013 11:29 am

    Secondo me andrebbero considerate categorie diverse. Voglio dire che nei confronti di un essere umano possiamo provare disprezzo, non schifo, che è sentimento brutale riservato alle cose o al massimo agli animali, provandolo naturalmente in vario grado. Poi possiamo ritenere che gli uomini siano stupidi, ignoranti, miserabili, maliziosi, supponenti, antipatici, ecc.. In generale, come in particoalre nel caso dei tropstronzi, la classifica, al variare della categoria, può naturalmente non rimanere la stessa.

    Chiarisco poi in via preliminare che:
    A) per quanto frequentatore (ormai anche saltuario) del cesso in esame, non considero don Peppino un tropstronzo e quindi non ho inteso prenderlo in considerazione, anche perché riconosco in lui qualità umane positive che quasi nemmeno intravedo in tutti gli autentici tropstronzi;
    B) non soffermandomi praticamente mai nella lettura dei loro commenti, non ho il privilegio di conoscere i S.ri Rasko, Paoletta e Ittoogami, i quali nondimeno – stando a qualche occhiata qua e là – si comportano nei miei confronti come se invece loro conoscano (???) il sottoscritto. Ciò evidentemente non risponde a verità, ma la cosa non impedisce loro di unirsi al coro tropstronzico degli insulti e degli apprezzamenti pretesi irridenti nei miei riguardi. Ma questo è solo infimamente sciocco e non basta loro ad acquisire, almeno non ancora, la qualifica di tropstronzo.

    Tutto ciò premesso, ecco il mio giudizio universale di tropstronzia (elenchi in ordine decrescente).
    (°) Gli interessati notino bene che l’essere in fondo alla lista non significa necessariamente eccellere nella virtù opposta al vizio considerato.

    DISPREZZABILITA’
    1) il Miserabile
    2) Giovanni Francesco Sagredo de Sti Cazzi
    3) Marcello
    4) Myollnir
    5) Erasmo
    6) M.me Barbarà
    7) Pardipalle
    8) Teddy
    9) Frine
    10) Merdoz
    11) Studente d’itagliano.

    STUPIDITA’
    1) Pardipalle
    2) Marcello
    3) Frine
    4) M.me Barbarà
    5) Giovanni Francesco Sagredo de Sti Cazzi
    6) il Miserabile
    7) Myollnir
    8) Teddy – Erasmo – Merdoz (ex aequo)
    11) Studente d’itagliano.

    IGNORANZA
    1) Frine
    2) M.me Barbarà
    3) Marcello
    4) Pardipalle
    5) Giovanni Francesco Sagredo de Sti Cazzi
    6) Myollnir
    7) Merdoz
    8) Teddy
    9) Erasmo – il Miserabile (ex aequo)
    11) Studente d’itagliano.

    MISERIA
    1) il Miserabile
    2) Erasmo
    3) M.me Barbarà
    4) Marcello
    5) Giovanni Francesco Sagredo de Sti Cazzi
    6) Myolnir
    7) Pardipalle
    8) Teddy – Merdoz – Studente d’itagliano
    11) Frine.

    MALIZIA
    1) Erasmo
    2) Merdoz
    3) Myollnir
    4) Giovanni Francesco Sagredo de Sti Cazzi
    5) Studente d’itagliano
    6) Teddy
    7) Marcello
    8) M.me Barbarà
    9) il Miserabile
    10) Pardipalle
    11) Frine.

    SUPPONENZA
    1) Erasmo
    2) il Miserabile
    3) Myollnir
    4) Giovanni Francesco Sagredo de Sti Cazzi
    5) M.me Barbarà
    6) Marcello
    7) Teddy
    8) Pardipalle
    9) Merdoz
    10) Studente d’itagliano
    11) Frine.

    ANTIPATIA
    1) Myollnir
    2) Marcello
    3) Giovanni Francesco Sagredo de Sti Cazzi
    4) Erasmo
    5) M.me Barbarà
    6) Pardipalle
    7) il Miserabile
    8) Teddy
    9) Frine
    10) Merdoz
    11) Studente d’itagliano

    • Top Ganz permalink
      17/04/2013 12:04 pm

      Dando valore 11 al primo di ogni lista, 10 al secondo fino a 1 per l’ultimo, si possono poi – dando pesi uguali ai vari difetti considerati – fare le medie dei risultati ottenuti. Tale operazione conduce alla seguente classifica sintetica:
      1) Marcello: 8,14
      2) Giovanni Francesco Sagredo de Sti Cazzi: 8,00
      3) Myollnir: 7,71
      4) Erasmo: 7,50
      5) M.me Barbarà: 7,29
      6) il Miserabile: 6,93
      7) Pardipalle: 5,86
      8) Teddy – Frine ex aequo: 4,14
      10) Merdoz: 4,00
      11) Studente d’itagliano: 2,29

      Come si vede c’è un cospicuo plotone di battistrada (sei concorrenti), inseguiti da un volitivo Pardipalle. Ormai staccati e completamente esausti arrancano dietro gli ultimi quattro.
      Da notare, a conferma del detto che non c’è limte al peggio, i primi tre sono solo fiancheggiatori e assidui frequentatori del cesso tropstronzico, di norma estranei, cioè, alla sua gestione ed alla pubblicazione dei post.

  4. Oi dialogoi permalink
    17/04/2013 2:30 pm

    Merdoz: So che farò la figura del sentimentale, ma io preferisco la classifica del reggicoda.

    Studente:Si pubblichi! Si faccia degna analisi comparativa, e si includano i Grandi Elettori delle Regioni (Renzi no) nella giuria giudicante.

    Erasmo: Spiage° negare qualcosa ai nostri lettori fiancheggiatori, ma la USL n.69 ci vieta, per ragioni di igiene, di pubblicare scritti del Reggicoda.

    °(sic!)

    Sior Erasmo, non pensavamo che avesse tanta paura di Thorgen.

    P.S. Le ricordiamo che il termine fiancheggiatore veniva utilizzato dai deputati antifascisti contro quei deputati liberali eletti per opportunismo nella lista fascista. Come vede, sior Erasmo, non è un complimento. Le consigliamo vivamente di studiare un po’ di storia, non le farebbe male.

  5. Top Ganz permalink
    17/04/2013 4:32 pm

    Mi corre obbligo fornire qualche chiarimento ai tropstronzi che, tra un rosicamento e uno scatarro di bile, hanno in vari modi reagito alla pubblicazione delle mie – ci tengo a sottolinearlo in particolare a Pardipalle che, non si capisce perché, mi invita a “puntare sempre su me stesso” – personalissime classifiche.

    Ad ERASMO chiarisco che ho richiamato il detto “non c’è limite al peggio” in quanto notavo come il pessimo campione di umanità costituito dal consorzio fondatore del cesso tropstronzo sia riuscito a coagulare intorno a sé, onorando appunto quel detto, più di un esempio di umanità ancora peggiore (solo di qualche inezia, è vero, ma che volete, qui si partiva da valori assai prossimi allo zero Kelvin dell’abiezione).

    Allo STUDENTE faccio presente che, in ogni caso, finire in fondo ad una siffatta classifica non costituisce affatto un riconoscimento di merito fra i comuni mortali, tanto meno una ragione per sentirsi estraneo all’immonda compagnia tropstronzica. Tutt’altro: il solo essere menzionati in lista rappresenta un’onta indelebile sulla propria onorabilità etica e intellettuale. Nessun essere abietto, consapevole e orgoglioso della sua abiezione che vi si veda compreso, per quanto in coda, ha cioè motivi sufficienti di dolersi – come, sbagliando, fa appunto lo Studente – di non vedersi riconosciuta pienamente l’ignominia del proprio essere, che invece rimane assunto pregiudiziale e connotato profondo – qui faccio un piacerino al Miserabile – ineludibile e irredimibile. Suvvia, dunque, Studente, non si compianga: lei rimane a tutti gli effetti un esecrabilissimo tropstronzo. Et ça veut tout dire.

    A PARDIPALLE suggerisco, se mira davvero a guadagnare posizioni nella classifica dell’antipatia, di farsi scaltro e di trascurare un po’ quella della stupidità, dove sarebbe bene si abituasse un po’ più anche all’idea di dover rinunciare alla sua incontrastata leadership. In compenso, assecondando lo stimolo già fornitole dal suo amico Gattapelata, dovrebbe esercitarsi molto più in materia di malizia, sebbene in questo dovrà aspettarsi di trovare difficoltà di ben altro livello, trattandosi di un tema quasi genetico, che cioè attiene assai più alle poco manipolabili corde dell’anima.

  6. La vanagloria del sior Erasmo permalink
    17/04/2013 4:58 pm

    Io ho vinto per i miei meriti. Si consoli con l’alto punteggio nella classifica parziale dell’ignoranza

    Scusi Sior Erasmo, essere supponente e/o malizioso non è un grande merito, non vale la pena di recitare la parte di chi si fregia con orgoglio la sua ridicola medaglietta. Comprendiamo i motivi secondo i quali lei cerca pateticamente di far buon viso a cattivo gioco, ma non esageri, potrebbe rendersi insieme ai suoi degni compari e comari di merende ancor più ridicolo nell’ostentare maliziosamente per l’ennesima volta la sua supponenza.

  7. Un duo esilarante permalink
    17/04/2013 5:13 pm

    Sior Erasmo: Grazie, sig.Topo. Inutile dire che l’alto punteggio conseguito mi rende orgoglionissimo, specie perché ho surclassato gli ex colleghi, che stanno rosicando, ovvero, per dirla con il sig.Train, si rosicano il fegato come roditori.
    Poi, con calma, ci spiega quel “a conferma del detto che non c’è limite al peggio”.

    blogdibarbara
    Confessa che lo hai pagato perché ti piazzasse sopra di me, fellone!

    Erasmo

    Invidiosa.

    blogdibarbara
    17 aprile 2013 at 16:35

    Invidiosa un accidente, è che non sopporto che si giochi sporco!

    Erasmo
    Io ho vinto per i miei meriti. Si consoli con l’alto punteggio nella classifica parziale dell’ignoranza.

    Non abbiamo mai visto una coppia più esilarante di questa.

    • Top Ganz permalink
      17/04/2013 6:38 pm

      Fino a che non è arrivato Marcello Porello, quello che non a caso è “arrivato uno”, il simpaticone che sparge più merda di un motore Evinrude da 300 cavalli immerso in un pozzo nero. Solo nel suo ultimo commento, per altro insolitamente pacato, c’è un ordinario “Topo” e l’accusa di “suscitare ilarità, pena, indignazione e altro”, tutto insieme, in “chiunque sia dotato di normale intelligenza”. Vabbè, d’accordo, ordinaria amministarzione, bisogna dire.

      Chissà, magari soffre di una qualche sindrome che davvero gli impedisce di rendersi conto di quanti insulti è solito rivolgermi. Ma questo non basta a spiegare la sua ottusa malevolenza: all’uopo occorre aggiungerci una portentosa dose di stupidità. Ad esempio, si consideri che non si annoverano commenti di Marcello Porello che mi riguardino e che risultino esenti da insulti nei miei riguardi. Intendo dire che lui mi ha solo e sempre insultato, già a partire dalla prima volta che l’ho incrociato, senza che qualcuno ci abbia mai presentato prima. D’altronde, i cretini generalmente tengono a manifestare al mondo la propria cretinaggine senza alcun pudore e – come diceva lui – a prescindere.
      Ma tant’è: che faccia finta di cadere dalle nuvole o che sia sinceramente convinto di riceverli soltanto, gli insulti, lui dice che in questo momento starebbe appunto attendendone una razione.
      Non certo da me, però. Ora non mi va e, del resto, le sue ultime gnagnarelle non aggiungono granché alle sua cantilene consuete. E poi ho appena lavato le mani e tagliato le unghie. Ripassi un altro giorno, che lo sistemo a dovere il buon uomo.

      • Marcellino pane e vino permalink
        17/04/2013 7:18 pm

        è andato in brodo di giuggiole…

  8. 18/04/2013 12:07 am

    blogdibarbara

    17 aprile 2013 at 16:19

    Confessa che lo hai pagato perché ti piazzasse sopra di me, fellone!

    Te piacerebbe, eh, vecchia ciabatta! Ma chi te se scopa più, ma nemmanco se paghi!

  9. Top Ganz permalink
    18/04/2013 11:11 am

    Vabbè, ancora due cosette, sennò piagneno.

    A dimostrazione che qui nessuno fa il detrattore per partito preso, sottolineo questa frase di Merdoz (che del resto è sempre stato buon cazzeggiatore), oggettivamente carina e cazzeggisticamente apprezzabile:
    “l’idea della classifica è geniale: mette in risalto la ruggine malamente nascosta che c’è tra i componenti di Topgonzo, facendo leva sulla vanità, che – come si sa – è il peccato preferito da Al Pacino (aggiungo: nella parte di Satana, ndr)”.

    E devo dire di condividere convintamente anche questa massima generosamente elargitaci da Marcello Porello:
    “Dare dell’imbecille ad un imbecille non è offesa, è solo una constatazione.”. Certo, specie quando, come Marcello Porello, si possieda il tesserino di membro (ora non si offenda per il termine) del Collegio dei Constatatori di Imbecillità rilasciato dall’Unione Europea, ma che in realtà gli ha fabbricato il nipote che si diletta di grafica, con tanto di coroncina di stelle in campo blu stampata sopra.

    Dello stesso sinistro figuro, invece, non condivido affatto quesa robaccia:
    “Se avesse un senso [che pretese, un senso nei tuoi commenti?], vorrei far notare al sig. Topo (che si offende solo se lo scrivo io [presuntuoso, ma quando mai!]) che ad ogni mio commento ironico [ma per favore, qui davvero stai scacazzando fuori dal wc della decenza] ha immancabilmente risposto con insulti [che vi dicevo: lui scambia i suoi inopinati insulti per ironia, poi, quando riceve le repliche, diviene tutto uno stracciar di vesti]. Se uno scrive stupidaggini o insulsaggini non può aspettarsi complimenti e lodi se non dai propri fiancheggiatori”.
    Naturalmente resta da capire come Marcello Porello usi distinguere le “stupidaggini” dalle “insulsaggini”, ma a me preme di più invitarlo caldamente a produrre, con l’aiuto dei suoi amici ex redattori (e tropstronzi senza ex) qualche testimonianza passata dei suoi caustici “commenti ironici” nei miei confronti, che – parrebbe di capire – tanto mi avrebbero roso il culo. Sa, la memoria a volte mi fa qualche scherzo e ora non li avrei esattamente presenti. La prego, me la rinfreschi, così, non fosse altro che per riassistere ai miei comici contorcimenti e divertirla di nuovo. Faccio però notare che, finché non li produrrà meriterà l’ulteriore appellativo di Quacquaracquello. Sì, Marcello Porello Quacquaracquello. Tenga conto che il pubblico, qui attorno, è piuttosto esigente, vuole ridere sul serio e non si accontenterà di una sciacquatura di piatti da recita dalle Orsoline. Mi stia bene.

    • Top Ganz permalink
      18/04/2013 12:28 pm

      Replica non richiesta dei tropstronzi:
      Redazione
      “… Quanto all’intimazione, rivolta alla redazione, di fare ricerche d’archivio, le specifichiamo che le facciamo quando ci aggrada, e non quando ce lo prescrivono …”.

      Io non ho “intimato” un bel nulla a nessuno, tanto meno alla “redazione” che evidentemente è troppo nervosa e sbaglia pacchianamente credendosi fatta oggetto di chissà quale coercizione solo per il mio consiglio al buon Marcello Porello di ricorrere all’ “aiuto dei suoi amici ex redattori”. La verità è che anche voi vi supponete e vi credete troppa cosa: ma chi vi si fila!?

      • Top Ganz permalink
        18/04/2013 12:30 pm

        P.S.
        E mo che fate, lasciate che Marcellino Porellino faccia la figura di un quacquaracquà quàquà quàquà?

    • 18/04/2013 2:35 pm

      vorrei far notare al sig. Topo (che si offende solo se lo scrivo io [presuntuoso, ma quando mai!]) che ad ogni mio commento ironico [ma per favore, qui davvero stai scacazzando fuori dal wc della decenza] ha immancabilmente risposto con insulti [che vi dicevo: lui scambia i suoi inopinati insulti per ironia, poi, quando riceve le repliche, diviene tutto uno stracciar di vesti]. Se uno scrive stupidaggini o insulsaggini non può aspettarsi complimenti e lodi se non dai propri fiancheggiatori”.

      Questo vuol dire che il sig. marcello è proprio un gran coglione. Dare del coglione a un coglione non è offesa, è solo una constatazione.

  10. Il film prediletto di Pardipal permalink
    18/04/2013 12:00 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: