Skip to content

RICEVIAMO, E STOMACATI PUBBLICHIAMO II

19/10/2013
by

Un commento di Merdasmo, vi preghiamo di non vomitare.

Merdasmo

Questo Erasmoz dev’essere un bel cretino. Come si fa accusare un
ritardato mentale di essere mafioso?

Non crediamo che serva aggiungere altro. Ignominia eterna a chi ha scritto
questo orribile commento.

Annunci
30 commenti leave one →
  1. Che teneri... permalink
    20/10/2013 11:39 am

    La Provincia Pavese
    Nonostante l’eccellenza di cibi e bevande, la supervisora era triste (“mi manca Topo Gonzo” ha confessato) mentre red.cac. era a dir poco euforico, in quanto percettore di assegno mensile pur fancazzando, mentre il sig.Train, per potersi comprare la pastina, deve sottoporsi giornalmente agli sbertucciamenti degli studenti della provincia di Olbia-Tempio.

    Top Ganz, chi l’avrebbe detto, la supervisora spasima per te, perché non la consoli un po’; è piccolina, moretta, caruccia, come dicono a Roma.

    Miracoli della pensione: dopo tanti anni trascorsi in classe a subire umiliazioni da parte dei dirigenti, prese per il culo dai colleghi e dal personale A.T.A., arrivando a subire pesanti critiche da parte dagli studenti per la sua “approssimativa” metodologia, il nostro può esprimere la sua gioia di essersi liberato di un peso che lo opprimeva da decenni.
    Ne ha ingoiata di merda, vero, Red. Caz.One.? Si vede che lei non amava il suo lavoro.

    • 21/10/2013 12:08 pm

      1) Supervisora
      Mi si stringe il cuore a questa rivelazione.

      2) Miserabile carriera di qualcuno
      In effetti il sentimento che di frustrazione che, miserabilmente non meno che pateticamente, qualcuno attribuisce a Jazztrain (che invece io invidio per il mestiere che fa e per il posto dove lo fa) sa tanto di romanzo autobiografico o di saggio scritto da esperto biografo di qualcuno.

      3) Polenta alla romana/abruzzese
      Merdasmo, lo ricorderete, ignorava e, com’è suo tipico riflesso in questi casi, negava l’esistenza della pur classica polenta alla romana/abruzzese (semplice polenta spianata su un pianale possibilmente ligneo, cosparsa di sugo di pomodoro e sasicce e con generosa spolverata finale di pecorino stagionato). Io, per sua informazione, gli fornii pietosamente diversi link per rendersi conto della sua cristallina ignoranza in un campo – la gastronomia e, nello specifico, la polenta – che nondimeno insisteva ed insiste a praticare saccentemente. Infame com’è, però, oggi riferisce solo di un sito americano, uno che io gli avevo indicato, in realtà, solo per dimostrargli, in un modo o nell’altro, l’universale diffusione della polenta alla romana/abruzzese. Il fatto che poi quel sito specificasse un modo assurdo di cucinarla toglie poco: accade la stessa cosa miriadi di volte con altri piatti italiani nel mondo, anche molto più famosi della polenta alla romana/abruzzese. Il che non ne determina certo la loro inesistenza.

      • 21/10/2013 12:53 pm

        Ciao Top, la cosa buffa è che lui crede che io detesti il lavoro che faccio. Invece non sa che a me piace tantissimo e se potessi non andrei mai in pensione.

      • 21/10/2013 1:01 pm

        Aggiungo che a giorni finirò un corso per diventare istruttore di scacchi nelle scuole di ogni ordine e grado.

      • 21/10/2013 6:03 pm

        Immagina come lo farà star bene quest’ultima notizia. Lui che non ha modo neanche di insegnare a fare quel famoso servizietto che proprio lui (e non certo la nostra malizia) ci suggerisce più riprese essere il mestiere che gli dà da mangiare.
        Anzi, propongo di sottoscrivere tutti una lettera alla Regione Veneto, Ass.to alla Formazione (se non a Zaia in persona) per caldeggiare l’istituzione di un corso di formazione proprio nell’antica arte di Merdasmo, alias Pippe Cazzilunghi.

      • jazztrain1 permalink
        22/10/2013 8:03 am

        Ehehehehe! Per questo motivo gli ho dato la notizia del corso d’istruttore; sabato prossimo andrò con amici/e scacchisti per le giornate conclusive del corso (avevo partecipato 15 giorni fa ad un primo stage). Approfitto per dirti che 15 giorni fa siamo andati in un paese di mare dell’oristanese, per l’esattezza in un ittioturismo dove abbiamo mangiato tanto di quel pesce appena pescato che siamo stati costretti a dire basta. Il prezzo? Ridicolo: 33€ a testa, ma cosa abbiamo mangiato, cozze, bocconi, frittura mista, insalata di polpo, acciughine, per non parlare della fregola con il brodo di pesce e la grigliata mista. Altro che merenda di redazione con polenta e gnocchi. Se dovessi raccontare nel mio blog tutte le volte che mangio fuori con amici al povero Erasmo e al suo compare di merende verrà un travaso di bile talmente forte da rimanere fulminato. Sabato prossimo il bis, Top!

  2. 20/10/2013 7:10 pm

    “Ritardato mentale” è espressione infame, retaggio dell’altrettanto infame culturame eugenetico del tardo ‘800 e primi del ‘900, ben presto fatta propria dalla sottocultura razzista piccoloborghese, a bollare con marchio d’inferiorità i disabili; e altrettanto presto entrata nell’uso comune, quale mezzo – vile e ributtante – usato per offendere il proprio interlocutore quando non si hanno argomenti contro di lui.
    Ergo, chi ancor oggi ne fa uso sia per indicare i disabili sia, ancor peggio, per offendere nel modo più vile e violento chicchessia, è egli stesso un essere infame: così come, e se possibile ancor più, chi sostiene che non si tratta di un’offesa.

    • Uno.. permalink
      20/10/2013 8:06 pm

      Uno come Merdasmo che dà del ritardato mentale a qualcuno con il preciso scopo di offendere perché non ha argomenti, vuol dire che è un razzista di merda, giusto?

      • 20/10/2013 11:19 pm

        Un razzista e un verme, per dirla tutta.

  3. il tocco di Merdasmo permalink
    21/10/2013 2:11 pm

    Merdasmo: “Essendo un materialista, ho sempre disprezzato le credenze che riguardano i corpi celesti, dall’astrologia all’influenza della luna. Ho dovuto però parzialmente ricredermi quando ho piantato i fagioli sul terrazzo. Come mi è stato spiegato quando era troppo tardi, avrei dovuto piantarli in fase di luna crescente. Poiché ciò è avvenuto solo in un caso, ho avuto qualche fagiolo bello, e un gran numero di abortini rinsecchiti.” Merdasmo, lei non ha il pollice verde, tutto quello che tocca si trasforma inevitabilmente in merda.

    • 21/10/2013 6:07 pm

      Ignora la regola della luna nuova per la semina e l’impianto degli ortaggi, ma osa parlare di cucina, l’imbecillotto.

      • 21/10/2013 6:11 pm

        Magari ora ci racconta di quella volta che un suo amico l’invitò ad andare con lui a funghi e di come lui si presentò all’appuntamento con una scala a libretto.
        Cosa? No, no, Pierspicuo. Neanche le patate crescono sugli alberi.

      • Che fai permalink
        21/10/2013 6:32 pm

        Silenziosa luna, dimmi che fai.
        Solinga stai a mirar i borlotti tuoi
        che Merdasmo concimò per te?

      • 21/10/2013 7:30 pm

        Estratto da “Canto notturno per un coltivatore di fagioli sbagliante nell’aia”.

        Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai,
        Silenziosa luna?
        Sorgi la sera, e vai,
        Contemplando i deserti; indi ti posi.
        Ancor non sei tu paga
        Di riandare i sempiterni calli?
        Ancor non prendi a schifo, ancor sei vaga
        Di mirar queste valli?
        Igoora la tua vita
        La vita del seminatore
        Erasmo malaccorto ‘l quale
        Sorge in sul primo albore,
        sparpaglia i fagioli nel campo, e vede
        crescer ortiche ed erbe
        ma manco un fagiolo che ristà sottotera.
        Altro mai non íspera.
        Dimmi, o luna: a che vale
        Ad Erasmo la sua vita,
        La sua di vita a Voi? dimmi; ove tende
        Questo vagar suo breve,
        Il suo corso mortale?
        (….)
        Nasce Erasmo a fatica,
        Ed è ríschio di morte il nascimento.
        Prova pena e tormento
        Per prima cosa; e in sul principio stesso
        La madre e il genitore
        Il prende a consolar dell’esser nato.
        Poi che crescendo viene,
        L’uno e l’altro il sostiene, e via pur sempre
        Con atti e con parole
        Studiasi fargli core,
        E consolarlo del suo immane stato:
        Altro ufficio più grato
        Non si fa da parenti alla lor prole.
        Ma perché dare al sole,
        Perché reggere in vita
        Chi poi di quella consolar convenga?
        Se la vita è sventura,
        Perché mai Erasmo dura?
        Intatta luna, tale
        E’ l’Erasmo mortale.
        Ma tu mortal non sei,
        E forse del suo dir poco ti cale.

  4. I morti di fame permalink
    21/10/2013 3:12 pm

    Studente di sto cazzo: Mi associo. E la prossima volta prometto presenza!

    Invitate sto morto di fame, che aspettate?

  5. Oi dialogoi permalink
    21/10/2013 3:54 pm

    Studente di itagliano
    21 ottobre 2013 at 14:55

    Ragazzi, il profilo twitter del professore mi sta aprendo un mondo.
    Avete visto il duetto con Marco Taradash?
    E i disperati tentativi di rimorchio?

    (E credo di aver capito: il sig. Train è cotto di Giorgia Meloni)

    Erasmo
    21 ottobre 2013 at 15:05

    Ci dia qualche link, sig.Studente. Sono più di 1000 caccole.

    Studente di itagliano
    21 ottobre 2013 at 15:33

    No idea on how to do it.

    Che figura di merda….

  6. Le paturnie di Merdasmo permalink
    21/10/2013 4:45 pm

    Il sig.Train, specialista in caccole apodittiche, si trova bene su Twitter, anche perché, con 140 caratteri, non rischia di dimenticarsi come ha cominciato il discorso. Non sempre, però, mantiene il controllo di quello che scrive.

    Noi sappiamo da fonte certa che anche Merdasmo ha un account twitter, i risultati da lui conseguiti sono scadenti per i seguenti motivi:
    1) lo seguono due persone;
    2) non può fare il troll come nei forum o nei blog, i molestatori anonimi come lui non hanno futuro;
    3) il tono sfottente non lo aiuta a relazionarsi con altri componenti di twitter;
    4) lo tiene chiuso perché ha una paura folle che qualcuno possa leggere quello che scrive perché teme di essere sbertucciato dai suoi odiati nemici.

    Se si esclude qualche tweet a Pierluigi Battista, qualcun altro a Guia Soncini, o alcuni estremamente provocatori nei confronti di Pierluigi Bersani, c’è poca cosa, e i suoi tweet non sono interessanti, infatti nessuno degli interessati gli risponde. Merdasmo ha toppato e questo non lo può sopportare; l’unica cosa che gli rimane è quello di guardare i tweet dal buco della serratura come un maniaco guardone per poi sputare fiele contro quelli dei suoi nemici. Che fesso e che pena che fa, Merdasmo lo spione.

    Addendum: tutti sanno nella blogosfera dei tweet di Merdasmo e tutti li hanno letti, i più divertiti sono coloro che Merdasmo offende.

    Una caccola apodittica di Merdasmo: Era meglio quando “rifatta” voleva dire “nuova ricca”

  7. 21/10/2013 7:39 pm

    Ehi, ragazzi, propongo una prece per il misero, derelitto autore di questi due post
    http://topgonzo.wordpress.com/2013/10/19/ci-torneremo-forse/#respond
    http://topgonzo.wordpress.com/2013/10/19/esistono-uninfinita-di-chiche/#respond
    che, a quarantott’ore di distanza dalla loro pubblicazione, devono ancora ricevere un solo commento.

  8. jazztrain1 permalink
    22/10/2013 6:51 am

    Noto che ad Erasmo piace tanto ficcare il naso negli affari miei.
    Oggi sono buono, gli darò una notizia che gli farà sicuramente piacere.
    Un suo caro amico, già direttore di Libmagazine, Monitor etc. è uno dei miei tanti followers su twitter (tra l’altro io partecipo lì con la mia identità, non con il nick jazztrain) e a quanto pare quello che scrivo gli piace perché spesso mette i miei commenti tra i suoi preferiti. Strano che tra Erasmo e i suoi due seguaci (il cig e il rug) non ci sia anche il mitico FN. Cosa è successo tra loro due? Vorrei che Erasmo mi spiegasse come mai FN non è tra i suoi followers, e come mai non è stato invitato nella merenda di redazione. E’ forse successo qualcosa tra Erasmo e FN?

    Dimenticavo, su twitter si gioca, si scherza, si fa battute, non ci si prende troppo sul serio; è difficile, però, che qualcuno faccia il troll, perché ci sono misure di sicurezza efficaci contro chi molesta (a parte il fatto che potrebbe configurarsi il reato di stalking, se ci fosse un commentatore notoriamente molesto come lo stesso Erasmo) perché sei facilmente identificabile e non puoi agire nell’anonimato, come sarebbe piaciuto ad Erasmo che ama tanto tirare il sasso e nascondere la mano. Credo che Erasmo non abbia affatto compreso il vero spirito di questo social network, così come non abbia capito il funzionamento di Facebook e quanto sia utile in certi contesti anche quest’altro social network. E’ finito il tempo dell’anonimato nei forum o del cambio d’identità come nel caso dei fake. Questo giochetto, Erasmuccio caro non lo potrai più fare, forse lo potrai fare nel blog di qualche servo fiancheggiatore.

  9. jazztrain1 permalink
    22/10/2013 7:40 am

    Thorgen, questo commento di un rincitrullito neopensionato mi fa morire dalle risate; devo cercare di spiegare qualcosa che non ha capito. Lo so, l’impresa è titanica, ma ci proverò lo stesso.

    Capito? Nelle scuole di ogni ordine e grado. Presto il sig. Train farà inserire il nobil juoco tra le materie curriculari, in luogo dell’astratta e astrusa metafisica

    Lei capisce fischi per fiaschi. Fare l’insegnante ed essere istruttore non sono incompatibili; lei nella sua crassa ignoranza non sa che in ogni scuola d’Italia di ogni ordine e grado, tramite accordo MIUR, CONI e Federscacchi, è possibile presentare un progetto scacchi in tutte le scuole di ogni ordine e grado (elementari, medie inferiori e medie superiori) compreso nella sua ex; gli istruttori presentano un programma, ne spiegano le finalità didattiche e lo presentano al Dirigente e o al Direttore didattico. Stabilito il monte ore, si prevede che il corso duri 20 ore complessive che si terranno il pomeriggio come corso extracurriculare. Gli istruttori, alla fine del corso, saranno pagati dalla scuola per il loro servizio. Finalità del corso è quello di potenziare le capacità di apprendimento delle discipline logico-matematiche degli studenti (è stato provato che i più talentuosi nel gioco degli scacchi sono quelli che eccellono in tutte le materie) e nello stesso tempo di permettere ad alcuni di partecipare ai Campionati Nazionali Studenteschi che si svolgono ogni anno nel nostro paese.
    Quando sarò messo in regola, finalmente potrò arrotondare il mio stipendiuccio con quello di istruttore e comprare il companatico alla mia amata pastina. 😀

  10. Non va bene permalink
    22/10/2013 8:11 am

    Quanto allo scippo del color cacca, mi auguro non succeda più.

    altrimenti non mi chiamerò più Merdasmo cagone [n.d.r.]

  11. Povero Merdasmo permalink
    22/10/2013 4:26 pm

    E’ tutta colpa del canuto reggicoda, che ha fatto il gradasso attirando la nostra attenzione su twitter. Ci si domandò quindi: e il sig.Train, twitta o non twitta?
    Lo sventurato twitta.

    Twitta con successo, mentre Merdasmo fa figure di merda. Che pena.

    Addendum: abbiamo trovato quest’altro link gonzico: Flavio Massone @louifla Somaro dell’Asinara

  12. 23/10/2013 1:21 am

    19 ottobre 2013 a 10:58 AM

    Merdoz

    Sarà comunque offensivo per il destinatario (perché è comprensibile il risentimento), ma dire che qualcuno è un ritardato mentale non è un’offesa.

    20 ottobre 2013 a 10:47 PM

    Merdoz

    “Ritardato mentale” è un’“espressione infame”?
    Io credevo indicasse chi soffre di ritardo mentale, cioè ” (…)una patologia cognitiva persistente, sia sul versante dell’intelligenza sia su quello della personalità globale, diagnosticata in base a criteri di funzionamento cognitivo corrispondente a un quoziente intellettivo inferiore alla media, di compromissione grave e significativa in diverse aree funzionali (adattamento sociale, apprendimento scolastico, capacità comunicative, autonomie personali e sociali ecc.), di presenza del disturbo fin dall’età precoce. (…)” (Treccani.it)
    Poi, può anche darsi che la definizione sia usata da qualcuno in discussioni “(…) quando non si hanno argomenti contro [l’interlocutore]“, ma non è detto che sia sempre così.

    Queste risposte non ci meravigliano per niente, da parte di uno che usa ancora la parola “negri”.

  13. Manfredi Beruschi permalink
    23/10/2013 4:56 am

    Così come non ci meravigliano le untuose parole di Marcoz nei confronti di jazztrain: “Anche io sto maturando una discreta padronanza dell’attività – che amo molto – di vile fiancheggiatore. Sinceramente, se riuscissi a mantenermi lasciando alle spalle il lavoro che rappresenta oggi la mia dominante fonte di reddito, per dedicarmi al fiancheggiamento, lo farei; e non certo perché quanto mi dà il pane attualmente mi dispiaccia: tutt’altro. È che il vile fiancheggiatore per me è una passione.
    Quindi, sempre per ragioni di “cuore”, auguro al sig. Train di potersi dedicare a tempo pieno all’insegnamento degli scacchi (che sappiamo egli ama molto), abbandonando semmai quello dell’”astratta e astrusa metafisica”.
    Credo di non sbagliare se dico che ce lo auguriamo tutti
    .

    No, Marcoz, lei non ha capito una mazza, l’istruttore di scacchi non è un mestiere alternativo, è una attività aggiuntiva extrascolastica. Non froda il fisco con le lezioni private, come fanno spesso alcuni insegnanti di greco e latino che arrotondano il loro misero stipendio a scapito del contribuente.

    • Manfredi Beruschi permalink
      23/10/2013 5:14 am

      Il signor Marcello scrive: La maggior parte degli incapaci che ho trovato nella mia vita lavorativa (una marea) erano convinti di essere capacissimi, come il sig Train, e quindi se non rimossi a forza chi li smuoverebbe da dove fanno danno?

      Sig. Marcello, il suo commento mi ha ricordato una famosa barzelletta che vorrei raccontare per la gioia dei suoi amici topgonzi. Sappiamo che lei, come tutti i toscani, è uomo di spirito, non un permaloso come lo stupidissimo Erasmo.

      La barzelletta inizia così: un tizio sta ascoltando in macchina un programma radiofonico, improvvisamente la trasmissione viene interrotta da uno speaker che, con voce concitata, dice: ” Ci scusiamo con i nostri radioascoltatori per l’interruzione del programma musicale, un folle è entrato contromano nell’autostrada del sole e sta correndo a folle velocità. Panico tra gli automobilisti, si temono incidenti .” L’autista ascolta la notizia e la commenta così: ” Solo un folle? E tutti quelli che stanno camminando con me contromano, come si chiamano?

      • 24/10/2013 11:53 am

        Ma poi chi cazzo è questo Marcello per sparlare di chi nemmeno conosce, ma cosa fa nella vita? A Marce’, ma vedi d’annattene a fanculo, va’ !

  14. 23/10/2013 8:01 am

    Buondì Thorgen, ho appena letto i due interventi. Su Marcoz hai ragione al 100%, è un personaggio disgustoso; essere corretti con un personaggio ambiguo come questo, non paga mai.

    Riguardo l’altro tizio: una volta mi capitò di confrontarmi con lui, mi pare nel blog di Sagredo, non ricordo bene con esattezza, e mi sono reso immediatamente conto che è un poveretto che ripete come un pappagallo tutte le idiozie che quei poveri scemi ripetono a loro volta su di me come se stessero facendo un mantra.
    Ricordo di aver dialogato con lui, l’ho messo facilmente alle strette, anche se gli riconosco che non ebbe reazioni malevoli o fuori luogo come capita spesso ad Erasmo o come qualche altro schizzato compagno di merende alla teddy. Ebbene costui, per giustificare la sua insostenibile posizione non faceva altro che arrampicarsi sugli specchi ma non riusciva a spiegare per quale motivo secondo lui non ero all’altezza del mestiere che svolgo.

    In un’altra occasione, cominciò a criticarmi vigliaccamente dai topgonzi sul livello degli studenti alle prove invalsi; di fronte a tanta asineria, andai da lui, lo contattai in privato e gli spiegai con tanta pazienza che le prove Invalsi si fanno al biennio e non al triennio e servono a monitorare le conoscenze di due discipline: italiano e matematica.
    Storia, filosofia, arte, chimica, fisica, biologia e lingue straniere non c’entrano un tubo.

    In quel caso non ha avuto il coraggio di rispondermi, buon per lui, ha preferito mantenere un tono basso ed evitare figuracce.
    Vedo, purtroppo, che non ha imparato la lezione, tanto è vero che continua impunemente a gettarmi fango addosso.

  15. Della serie permalink
    23/10/2013 4:01 pm

    Grandissimi bruciori di culo a topgonzia

    http://topgonzo.wordpress.com/2013/10/23/altro-che-merenda-di-redazione/

    Merende di redazione, per compari e comari di merende, astenetevi perditempo.

    Addendum: NOn è che al sig.Train non piaccia il vino: è solo che non lo vuole pagare. Una volta, una vicina settantenne gliene regalò una bottiglia, e lui lo annunciò al popolo tutto. Ignoriamo cosa le abbia dato in cambio il sig.Train. Merdasmo sarebbe il vincitore indiscusso della cena dei cretini.

    • Della serie II permalink
      24/10/2013 7:05 am

      Predica bene e razzola male: l’immensa Supervisora di sta cippa fa la morale come una maestrina saccente, peccato che non si accorga di aver fatto un clamoroso autogol; ebbene, riferendosi a Mario Monti e alla reazione che ha avuto con la Bignardi, l’immensa scrive il pensierino della sera: si incarognisce in ripicche squallide* e inutilmente feroci, viste le persone verso le quali sono dirette.

      Supervisora di sta minchiazza, invece di fare la moralista con Monti perché queste belle parole non le dice al suo degno compare Merdasmo con il quale partecipa alle merende di redazione? Tra loro non c’è alcuna differenza, perché entrambi si comportano esattamente allo stesso modo.

      * Dove vive questa qui, su Marte? I suoi compagni di merende vivono solo per fare squallide ripicche; basti leggere alcuni thread di quella fogna a cielo aperto che chiamano blog. Non ci vuole molto a capire quanto siano meschini peronaggi alla Merdasmo & company e tra questi, tra i più meschini, comprendiamo l’immensa Supervisora di questa fava.

Trackbacks

  1. RICEVIAMO, E UMILIATI PUBBLICHIAMO | Topgonzo's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: